Droga ceduta anche nei pressi di una caserma, Minardi: "L'erba era la meno gradita"

Le indagini, coordinate dai pm Gloria Andreoli e Sara Varazi, hanno documentato 72 casi di spaccio

Nella “casuzza”, ovvero l’immobile preso  in affitto dai pusher, ma anche a bordo delle automobili, in strada e persino nei pressi di una caserma. Non c’era una centrale fissa dello spaccio a Favara, ma la compravendita di sostanze stupefacenti avveniva anche in modo itinerante.

Smercio di hashish e cocaina a Favara: quel cellulare perso che diventa la chiave di volta

“La tipologia di droga da piazzare variava in funzione delle disponibilità del momento. “C’erano dei periodi differenti di consumo – dice ai microfoni di AgrigentoNotizie il vice questore aggiunto Giovanni Minardi -  . Se si riusciva a trovare in maniera facile dell’hashish, questo veniva abbondantemente venduto.  Da un’intercettazione – aggiunge il dirigente capo della Squadra Mobile di Agrigento - sembrerebbe che l’erba era meno gradita rispetto ad altre sostanze”. 

Blitz antidroga "Casuzza", ecco i nomi dei destinatari delle misure cautelari

Operazione antidroga della polizia a Favara

Sullo stesso argomento

Video popolari

Droga ceduta anche nei pressi di una caserma, Minardi: "L'erba era la meno gradita"

AgrigentoNotizie è in caricamento