Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Droga ceduta anche nei pressi di una caserma, Minardi: "L'erba era la meno gradita"

Le indagini, coordinate dai pm Gloria Andreoli e Sara Varazi, hanno documentato 72 casi di spaccio

 

Nella “casuzza”, ovvero l’immobile preso  in affitto dai pusher, ma anche a bordo delle automobili, in strada e persino nei pressi di una caserma. Non c’era una centrale fissa dello spaccio a Favara, ma la compravendita di sostanze stupefacenti avveniva anche in modo itinerante.

Smercio di hashish e cocaina a Favara: quel cellulare perso che diventa la chiave di volta

“La tipologia di droga da piazzare variava in funzione delle disponibilità del momento. “C’erano dei periodi differenti di consumo – dice ai microfoni di AgrigentoNotizie il vice questore aggiunto Giovanni Minardi -  . Se si riusciva a trovare in maniera facile dell’hashish, questo veniva abbondantemente venduto.  Da un’intercettazione – aggiunge il dirigente capo della Squadra Mobile di Agrigento - sembrerebbe che l’erba era meno gradita rispetto ad altre sostanze”. 

Blitz antidroga "Casuzza", ecco i nomi dei destinatari delle misure cautelari

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento