menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Operatori ecologici al lavoro (foto archivio)

Operatori ecologici al lavoro (foto archivio)

Operatori ecologici senza stipendio, proclamato lo stato di agitazione

La Tesoreria comunale non riaprirà i battenti prima della metà di gennaio e così il pagamento della mensilità di dicembre e della tredicesima rischia di avvenire alla fine del prossimo mese

Capodanno senza soldi per i 57 operatori ecologici del cantiere di Canicattì. Lavoratori - che come riporta il Giornale di Sicilia -  hanno proclamato un nuovo stato di agitazione. Una mobilitazione che segue quella del mese scorso che , sempre per lo stesso motivo, aveva portato gli operatori ecologici a scioperare arbitrariamente bloccando per un giorno la raccolta dei rifiuti. 

L'attesa di questo mese rischia di protrarsi ancora più a lungo di quanto avvenuto nei mesi scorsi. La Tesoreria comunale, infatti, non riaprirà i battenti prima della metà del mese di gennaio e così il pagamento della mensilità di dicembre e della tredicesima rischia di avvenire alla fine del prossimo mese.

"Non è possibile che ogni mese si ripeta la stessa storia – ha dichiarato il segretario provinciale di Agrigento della Uil Trasporti Nino Stella – con gli operatori ecologici in servizio a Canicattì che vengono trattati da dipendenti di serie B. Da quanto è dato sapere i soldi per pagare i lavoratori ci sarebbero, ma la chiusura della Tesoreria impedisce questo adempimento. Siamo pronti a riprendere la lotta sindacale con la proclamazioni di altre giornate di sciopero". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento