rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Il processo / Palma di Montechiaro

Operaio morto dopo essere stato colpito da escavatore, assolta ex moglie del sindaco

Si tratta del procedimento che riguarda l’incidente sul lavoro che causò il decesso dell’operaio di 57 anni Michele Lumia. Il fatto avvenne il 15 maggio del 2019

Assolta Filippina Volpe, 50 anni, moglie dell’ex sindaco di Palma di Montechiaro Rosario Bonfanti di 58 anni: quest’ultimo aveva chiesto il patteggiamento a un anno e 8 mesi di reclusione. I coniugi erano imputati nel processo, davanti al gup Micaela Raimondo del tribunale di Agrigento, per la morte dell'operaio di 57 anni Michele Lumia di Palma di Montechiaro avvenuta il 15 maggio del 2019. L’uomo stava lavorando nel terreno di un’azienda agricola quando venne colpito dalla benna di un escavatore. 

I due coniugi sono finiti in tribunale in quanto amministratori della società “Alba nuova più", proprietaria del terreno in cui è avvenuto l’incidente. Il processo a carico della donna si è celebrato con il rito abbreviato. Il pubblico ministero Paola Vetro aveva chiesto la condanna a un anno e 6 mesi.

Lumia e un collega stavano lavorando nel terreno in contrada Val di Lupo, ad Agrigento: era stato loro richiesto, in particolare, di mettere in sicurezza dei vecchi scavi in prossimità di un manufatto di recente ristrutturazione. I due operai avevano realizzato quattro “gabbioni”, dei muri di contenimento con ammassi di pietre trattenute da reti metalliche, e attorno alle 9,30 avevano iniziato la seconda “consegna” della giornata, ovvero far passare un tubo sotto uno dei muri per il deflusso dell’acqua.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio morto dopo essere stato colpito da escavatore, assolta ex moglie del sindaco

AgrigentoNotizie è in caricamento