rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Cronaca Bivona

Operaio morì nella cava, il Pm chiede il rinvio a giudizio per 5 persone

Mario Cardinale, cinquantanovenne di Bivona, perse la vita il 6 febbraio del 2013 in una cava di Villafranca Sicula

Il Pm del tribunale di Sciacca, Alessandro Moffa, ha ribadito, in sede di udienza preliminare, la richiesta di rinvio a giudizio a carico delle cinque persone, accusate di omicidio colposo, per morte di Mario Cardinale, l’operaio di Bivona di 59 anni, che ha perso la vita, il 6 febbraio del 2013, in una cava di Villafranca Sicula. Lo riporta il Giornale di Sicilia.

Hanno discusso, in sede di udienza preliminare, sia il pubblico ministero che le parti civili e il giudice, Roberta Nodari, ha rinviato l’udienza al 7 aprile per la discussione delle difese. Al termine di quell’udienza deciderà sulla richiesta di rinvio a giudizio.

La Procura di Sciacca ha chiesto il rinvio a giudizio per Giuseppe Infantino, di 59 anni, di Casteltermini, dipendente del distretto minerario di Caltanissetta; per Alfonsina Marretta, di 43 anni, di Ribera, legale rappresentante della ditta esercente la cava; Giovanni Sola, di 45 anni, di Ribera, amministratore di fatto della ditta; Salvatore Castiglione, di 35 anni, di Caltanissetta, responsabile del servizio di prevenzione e protezione della cava; Salvatore Gelsomino, di 75 anni, di Caltanissetta, direttore tecnico dei lavori della cava.

La famiglia dell’operaio si è costituita parte civile con gli avvocati Gianfranco Viola, Maurizio Traina, Luca Trizzino e Carmelo Spallino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio morì nella cava, il Pm chiede il rinvio a giudizio per 5 persone

AgrigentoNotizie è in caricamento