menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Teresa e Trifone, il sospetto che gela il sangue: «Uno scambio di persona»

"Quella sera qualcuno ha visto e io ora sono qui a supplicarlo: per favore, parli. Siamo stati più volte a Pordenone, nel piazzale del delitto e a quell'ora è impossibile che fosse deserto...", dice la mamma

E' ancora mistero fitto sull'omicidio di Teresa Costanza, originaria di Favara, e Trifone Ragone, brutalmente uccisi lo scorso 17 marzo a Pordenone. Sono passati quattro mesi, e le indagini non hanno ancora portato alla scoperta del colpevole. L'unico dato certo è che il killer ha agito con una freddezza glaciale, impugnando una semiautomatica 7,65 e sparando sei colpi contro il carrista del 132esimo Reggimento carri e la sua fidanzata.

«Quella sera qualcuno ha visto e io ora sono qui a supplicarlo: per favore, parli. Siamo stati più volte a Pordenone, nel piazzale del delitto e a quell’ora è impossibile che fosse deserto...», dice al Corriere della Sera la mamma. Teresa, ricordano i genitori, era una persona normalissima, con la testa sulle spalle: bocconiana, ballerina, innamorata del suo Trifone, matrimonio in vista. «E' sempre stata la prima della classe e anche dopo la laurea non ha avuto problemi a trovare lavoro. Nove mesi da manager alla Prenatal, poi all’Ina Assitalia... Sapeva quel che faceva, era felice e a noi tanto bastava».

Nessuna ombra su Trifone, un ragazzo d'oro dicono i genitori di Teresa: «Bravissimo ragazzo, tutto sport, gare, lavoro e Teresa. Un gigante buono. Non aveva vizi: non beveva, non fumava, non prendeva schifezze. Aveva fatto il modello, sì, un calendario. E allora? Cosa c’è di male? Mai vista Teresa così innamorata. Hanno trascorso un’intera estate insieme: due mesi a Monopoli dai suoi parenti, qualche settimana in Sicilia dai nostri. E quando sono tornati Teresa aveva deciso di trasferirsi da lui, a Pordenone»

Il drammatico sospetto dei genitori è che sia stato uno scambio di persona: «Noi abbiamo pensato anche a un errore di persona, Trifone aveva un amico con una fidanzata biondina come lei...».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento