menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agrigento, coppia trovata senza vita in casa propria a Fontanelle

La loro casa si trova nelle palazzine popolari che s'affacciano sulla via Alessio Di Giovanni. Sul posto, polizia e carabinieri per accertare quanto accaduto. Il primo a cadere sotto i colpi di fucile sarebbe stato l'uomo

Una coppia è stata trovata senza vita nella propria abitazione. Giorgio Luparello e Patrizia Moscato, questi i loro nomi, abitavano a Fontanelle: la loro casa si trova nelle case popolari che s'affacciano sulla via Alessio Di Giovanni.

Si tratterebbe di omicidio-suicidio secondo gli inquirenti. Ancora sul luogo per verificare l'accaduto gli uomini del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Agrigento, gli agenti della Squadra Mobile e i poliziotti della sezione Volanti.

Lui, 57 anni, era titolare di un'impresa di pulizie, lei aveva 48 anni.

Un fucile calibro 12 sarebbe invece l'arma del delitto.

Da quanto si apprende, la coppia stava affrontando problemi di natura sentimentale.

Su facebook, già a luglio 2013, l'uomo scriveva:«Mia moglie non vuole unirsi ed io sto male». Mentre il 30 giugno, a commento di due foto della coppia urlava il suo amore scrivendo:«35anni che ci amiamo sei l'amore mio ti amoooooo»

Una delle figlie sarebbe stata ricoverata in ospedale ma con ferite riconducibili ad un'arma da taglio.

Potrebbe, quindi, sembrare si sia trattato di una lite familiare culminata in tragedia. Ma tanti ancora sono i contorni oscuri da definire in questa vicenda. 

Dalle prime notizie trapelate, Luparello sarebbe stato il primo a cadere sotto i colpi del fucile, mai dichiarato e quindi incomprensibilmente in quella casa: la moglie lo avrebbe colpito alla schiena per difendere la figlia 18enne da una possibile aggressione da parte del padre.

I vicini raccontano di aver sentito due spari e poi le urla: era la ragazza, che ha lanciato l'allarme scappando per le scale del palazzo, per essere poi ricoverata all'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento per un profondo taglio al viso.

Da qui l'ipotesi che l'uomo potrebbe aver cercato di fare del male alla figlia, scatenando la tragica reazione della madre. Ma al momento si tratta di una ricostruzione ipotetica di come siano andati i fatti: gli inquirenti stanno in atto vagliando ogni possibile scenario.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento