rotate-mobile
La svolta / Favara

Commerciante di auto ucciso nelle campagne di Favara, c'è un fermo

L'omicidio, secondo gli inquirenti, sarebbe maturato nel contesto di uno scontro tra vicini di campagna per l'uso di una stradella

I carabinieri del comando provinciale di Agrigento, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Agrigento, hanno tratto in arresto Stefano Nobile, 58 anni, di Favara, ritenuto autore dell'omicidio di Francesco Simone, freddato nel dicembre scorso nelle campagne favaresi.

Nobile è ritenuto indiziato anche di detenzione illegale di armi e ricettazione di una pistola a canna corta.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la vittima venne colta di sorpresa mentre stava lavorando il terreno della propria abitazione di campagna. Simone venne raggiunto da diversi colpi di arma da fuoco.

Le indagini si sono immediatamente concentrate sull'uomo: gli accertamenti condotti in questi mesi avrebbero poi consentito di raccogliere "gravi indizi di colpevolezza" a carico di Nobile: l'omicidio sarebbe scaturito nel contesto di un contrasto tra vicini in ordine all'uso di una strada e di un cancello che consentono l’ingresso alle rispettive abitazioni.

Nel corso dell’operazione che ha consentito l’arresto del Nobile sono state eseguite perquisizioni personali e domiciliari finalizzate alla ricerca di ulteriori fonti di prova. L'indagato è stato condotto presso la casa circondariale di Agrigento a disposizione dell'autorità giudiziaria.

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commerciante di auto ucciso nelle campagne di Favara, c'è un fermo

AgrigentoNotizie è in caricamento