rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Ucciso per difendere la madre, raccontava ad un amico: "Per lei darei corpo e anima"

Le affermazioni sono riportate da una testata belga, ieri Luca Pisciotto è stato ricordato con una marcia dopo il terribile omicidio

"Voleva salvare sua madre, mi ha detto che lo avrebbe fatto, che avrebbe dato corpo e anima affinché lei vivesse e fosse felice ed è quello che ha fatto. Ora sua madre però non ha più suo figlio e so che è pezzi. Dentro è morta".

A parlare sul sito on line belga Rlt Info è Arthur, un amico di Luca Pisciotto, il 22enne agrigentino ucciso nel quartiere di Jupille, rue Bois de Breux di Liegi dall'ex compagno della madre mentre il giovane tentava di difendere la donna.

Per ricordare Luca, che era molto noto anche ad Agrigento per la sua passione e per il grande talento nella breakdance, ieri si è tenuta nel quartiere in cui è stato ucciso una marcia di commemorazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso per difendere la madre, raccontava ad un amico: "Per lei darei corpo e anima"

AgrigentoNotizie è in caricamento