rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca Sciacca

"Hanno occupato oltre 1700 metri quadri di demanio marino", scatta maxi sequestro

I sigilli sono scattati questa mattina al termine di un'attività di indagine condotta dalla Procura di Sciacca a carico di un'azienda

Quasi 2mila metri di suolo demaniale sono stati sottoposti a sequestro penale da parte dei militari del Nucleo operativo di polizia ambientale della Guardia costiera di Sciacca perchè ritenuti occupati abusivamente da un'impresa edile. 

I sigilli sono scattati questa mattina al termine di un'attività di indagine condotta dalla Procura di Sciacca e iniziata a gennaio durante la quale, dice una nota, è stata sottoposta a verifica la "documentazione tecnica e di settore (mappe catastali, autorizzazioni, concessioni edilizie, estratti planimetrici, atti pubblici riguardanti i passaggi di proprietà tra persone e società, etc.) e sono state analizzate le informazioni fornite dal servizio territorio ambiente della Regione Sicilia".

Verifiche che, dicono i militari, hanno consentito di appurare "l’arbitraria occupazione, che si protraeva da diversi anni in assenza di qualsivoglia titolo concessorio, di un’area demaniale di 1.546 metri quadri circa e di una struttura di 166 metri quadri circa praticamente a ridosso del mare che venivano utilizzate per lo stoccaggio di numeroso materiale edile destinato a successiva vendita, anch’esso sottoposto a vincolo giudiziario".

Al titolare dell’impresa edile sono stati contestati reati connessi all’occupazione arbitraria e abusiva di spazio demaniale marittimo, violazioni al Codice dei beni culturali (per opere che sarebbero state eseguite in assenza di autorizzazione) e varie inosservanze alle regole connesse alla corretta gestione dei rifiuti. Questo perché, durante l'ispezione, sono emerse numerose aree in cui erano stati depositati rifiuti "in modo non consono".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Hanno occupato oltre 1700 metri quadri di demanio marino", scatta maxi sequestro

AgrigentoNotizie è in caricamento