rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

Nuova luce alla Valle dei Templi, ecco il percorso "innovativo": tra bellezza e storia

Con questo nuovo percorso è stato, di fatto, connessa la parte centrale della città antica con la collina, attraversando un paesaggio agricolo tradizionale

Non soltanto di giorno. Il nuovo percorso della Valle dei Templi – quello che dal Cardo I conduce anche fino all’area di Giove-Restauro – potrà presto essere ammirato e apprezzato anche durante la sera e la notte. Il direttore del Parco archeologico, Giuseppe Parello, ha approvato la prenotazione di impegno di spesa sull’esercizio finanziario 2018 delle somme necessarie – si tratta di 95.110 euro – per i lavori di illuminazione.

Con questo nuovo percorso è stato, di fatto, connessa la parte centrale della città antica con la collina, attraversando un paesaggio agricolo tradizionale. Paesaggio che, a lavori di illuminazione conclusi, potrà essere pienamente vissuto anche durante le ore della sera. Il Parco archeologico Valle dei Templi ha lavorato, quasi in sordina, all’innovativo percorso di visita – e lo stesso continua a fare – che ha una grande valenza paesaggistica e monumentale.

Il Parco archeologico Valle dei Templi, di cui è direttore Giuseppe Parello, ha già deciso, infatti, di utilizzare i nuovi locali del Palacongressi - i magazzini per la precisione - per ospitare tutti quei reperti che non verranno musealizzati.

"La campagna di scavo effettuata nell'area del teatro Ellenistico ha restituito una quantità di reperti ceramici e metallici particolarmente consistente – ha già scritto il Rup Giuseppe Grado - . Una quantità di reperti superiore a quanto era stato preventivato alla luce dei primi saggi effettuati nell'area". "I reperti, molto spesso, costituiscono un onere. Perché non tutti vengono musealizzati ed esposti - ha spiegato il direttore del Parco Giuseppe Parello - . I reperti che non vengono esposti vengono custoditi, dopo essere stati catalogati e studiati dagli esperti, in vari magazzini. Magazzini che, attualmente, sono tutti pieni. A questo punto, dovevamo decidere: o comprare o affittare altri box che comunque non sono adeguati per la lunga conservazione dei reperti, oppure custodirli nei magazzini del Palacongressi. Ed abbiamo deciso appunto per quest'ultima soluzione". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova luce alla Valle dei Templi, ecco il percorso "innovativo": tra bellezza e storia

AgrigentoNotizie è in caricamento