menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Scansione aerea della villa romana

Scansione aerea della villa romana

Nuovi scavi alla villa romana di Realmonte, realizzata mappatura in 3D

Grazie ad un progetto di ricerca congiunto fra la  Soprintendenza ai Beni culturali di Agrigento e l'Università della Florida meridionale, si getta una nuova luce sull'area archeologica

Dopo più di trent'anni, ripartono gli scavi alla villa romana di Durrueli a Realmonte. Grazie ad un progetto di ricerca congiunto fra la  Soprintendenza ai Beni culturali di Agrigento e l'Università della Florida meridionale, si getta una nuova luce sull'area archeologica.

"Lo scavo - fa sapere la Soprintendenza - ha avuto l'obiettivo di reinterpretare le intricate vicende edilizie attraverso cui la villa è andata incontro tra il primo ed il secondo secolo dopo Cristo, facendo emergere un'importante fase di occupazione di epoca bizantina, del tutto sconosciuta finora. Grande importanza ha infatti la scoperta di un vasto complesso per la produzione della ceramica, incentrato sul riuso dei forni che alimentano le stanze calde delle terme come fornaci per la ceramica e delle stesse stanze come vani di servizio". 

L'equipe è costituita da archeologi e tecnici della Soprintendenza di Agrigento, della University of South Florida, da restauratori del Centro regionale del Restauro, da geologi per la caratterizzazione delle pietre e dei marmi ed, infine, dai volontari dell'associazione Pro Loco "Scala dei Turchi" di Realmonte.

Prima dell'inizio degli scavi, l'archeologo Davide Tanasi, direttore della campagna, ed il professor Michael Decker, direttore del Center of virtualization and applied spazial technologies dell'università californiana, hanno realizzato la virtualizzazione dell'intero sito, utilizzando una scansione laser in 3D e la fotogrammetria digitale di tutti i pavimenti a mosaico. 

"Un lavoro di grande interesse, - ha dichiarato la soprintendente Gabriella Costantino - che evidenzia e promuove il ricco patrimonio culturale di Realmonte che comprende oltre alla villa di età imperiale, anche un sito di interesse geologico come quello della Scala dei Turchi e la miniera di salgemma".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento