menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Don Mimmo Zambito e l'arcivescovo Francesco Montenegro

Don Mimmo Zambito e l'arcivescovo Francesco Montenegro

Nuove nomine pastorali, l'appello lanciato da Lampedusa

Peppino Palmeri ha scritto all'arcivescovo Francesco Montenegro: "L'isola, terra di popoli in cammino, necessita di un parroco permanente per almeno 10 anni"

"Lampedusa, per la sua particolarità, in quanto terra di popoli in cammino, necessita di un parroco permanente sull'isola per almeno 10 anni. Padre vescovo, non me ne voglia se mi permetto di dire che la nostra comunità ha ancora bisogno di essere guidata da don Mimmo". E' con queste parole che Peppino Palmeri - marito del sindaco Giusi Nicolini - ha lanciato, con una lettera, una sorta di appello al cardinale Francesco Montenegro. 

Continua a parlarsi delle nuove nomine pastorali, fatte nei giorni scorsi dall'arcivescovo di Agrigento.

Dopo le "amarezze", espresse sui social network ad Agrigento, Casteltermini e Licata, da Lampedusa è stata inviata una lettera. "Don Mimmo Zambito - scrive Palmeri - per la parrocchia di Lampedusa ha rappresentato e rappresenta quel raggio di luce che illumina la notte dei disperati che raggiungono la nostra isola, oltre ad essere punto di conforto e di forte sostegno per tutta la comunità. Con don Mimmo - prosegue la lettera - la nostra parrocchia è uscita "fuori dal tempio". Questa notizia, inaspettata, non le nascondo che ci ha lasciati di gelo".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento