menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le autorità all'evento inaugurale

Le autorità all'evento inaugurale

Un percorso culturale le cuore della città, presentata la "nuova" piazza Vittorio Emanuele

I lavori di “messa in posa” sono stati coordinati da Domenico Boscia, docente di scultura della stessa accademia ed esperto in decorazioni e realizzazioni di ceramiche artistiche

Un nuovo percorso culturale, con uno slogan chiaro e preciso: "La bellezza salverà Agrigento". Questa mattina alla presenza delle massime autorità civili è stato presentato il nuovo volto della piazza Vittorio Emanuele.  L'evento è stato organizzata dal Libero Consorzio Comunale di Agrigento, ed ha chuso le celebrazioni per il 150esimo anniversario della nascita di Luigi Pirandello. 

Il nuovo percorso culturale, nel segno del grande drammaturgo agrigentino, riguarda il rivestimento artistico dei sette vasi cilindrici ubicati in Piazza Vittorio Emanuele “rigenerati” ed  abbelliti con ceramiche cromatiche che richiamano i colori tipici della tradizione etnoplastica siciliana e con bassorilievi che riproducono frasi tratte dalle più prestigiose opere dello scrittore e premio Nobel.

L'arte antica del plasmare le materie prime e decorarle è, ancora oggi, un segno distintivo e unico della nostra tradizione culturale. Tradizione  che ha ispirato il Libero Consorzio Comunale di Agrigento nell’ideare il progetto, realizzato, poi, grazie alla fattiva collaborazione tecnica ed artistica dell'Accademia di Belle Arti "Michelangelo" di Agrigento, diretta da Alfredo Prado. I lavori di “messa in posa” sono stati coordinati da Domenico Boscia, docente di scultura della stessa accademia ed esperto in decorazioni e realizzazioni di ceramiche artistiche.

La realizzazione della decorazione artistica dei vasi cilindrici, ricordiamo, è stata proposta dal Libero Consorzio al sindaco Calogero Firetto, presente alla cerimonia, che ha apprezzato il progetto, rilevandone il duplice aspetto di valorizzazione urbana e di omaggio alla figura del “Premio Nobel” agrigentino. Alla cerimonia ha dato anche il suo contributo  Nino Bellomo, grande interprete delle opere di Luigi Pirandello, che ha recitato il sonetto “Casa Romita”.

Il percorso culturale è stato realizzato in un’area strategica di Agrigento che ospita i principali uffici pubblici della città dei Templi. 

unnamed-2-8-38

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Danneggia la rotonda del Quadrivio e fugge via: "beccato" dalle telecamere

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Coronavirus

Attualità

L'accademia delle Belle arti dona quindici quindici quadri al Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Un agrigentino a "Uomini e donne", Gero Natale debutta su Canale 5

  • Sport

    L'ex "portierone" Daniele Indelicato vola a Dubai: affiancherà Sosa

Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento