Si appropria dei soldi dei clienti, processo bis per un notaio

Secondo la Procura non avrebbe versato all'Agenzia delle Entrate i soldi delle tasse

Il 4 giugno davanti ai giudici della seconda sezione penale: si sblocca il processo "bis" a carico del notaio Antonino Pusateri, 68 anni, accusato di peculato per avere sottratto 81.500 euro che i clienti, andati nel suo studio per registrare una serie di atti, gli avrebbero versato in quanto "responsabile di imposta". Il rinvio a giudizio risale allo scorso 6 dicembre e fu deciso dal giudice dell'udienza preliminare Francesco Provenzano: il processo, dopo una serie di rinvii, doveva iniziare ieri davanti alla prima sezione penale ma gli uffici hanno deciso una riassegnazione per equilibrare i carichi di lavoro.

L’imputato, durante le indagini, si è difeso sostenendo che si tratta degli stessi fatti per i quali ha già patteggiato due anni di reclusione. La Procura ritiene invece che si tratti di episodi ulteriori. La vicenda, adesso, sarà approfondita in dibattimento. Pusateri, difeso dall'avvocato Giuseppe Scozzari, è accusato di essersi appropriato di 81.500 euro. Quelle somme, sostiene l’accusa, non sono state mai versate all’Agenzia delle Entrate. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento