"Non ostacolò progetto edilizio per interessi personali", assolto ex dirigente Utc

L'imputato era il geometra Giuseppe Di Malta, a capo dell'ufficio dell'isola di Lampedusa

Il tribunale di Agrigento

“Assoluzione perché il fatto non sussiste”: per i giudici della prima sezione penale del tribunale di Agrigento, presieduta da Luisa Turco, non fu commesso alcun abuso di ufficio nella trattazione della pratica relativa al progetto di ristrutturazione di uno stabile. L’imputato è Giuseppe Di Malta, ex dirigente dell’Ufficio tecnico comunale di Lampedusa, accusato di avere ostacolato un progetto edilizio perché contrario ai suoi interessi.

Anche il pubblico ministero Carlo Cinque aveva chiesto l’assoluzione, seppure con una formula diversa (“il fatto non costituisce reato”), sostenendo che si era trattato di “un comportamento deprecabile sul piano morale ma irrilevante su quello penale perché manca il dolo specifico necessario per configurare l’abuso di ufficio”. I fatti contestati risalgono al 2013, periodo immediatamente successivo allo scandalo giudiziario che travolgeva il suo ufficio per una maxi inchiesta di tangenti della quale è estraneo. Di Malta, difeso dall'avvocato Vincenzo Caponnetto, secondo l’accusa iniziale aveva insabbiato la pratica per la ristrutturazione di un immobile perché era proprietario di un fabbricato adiacente e il nuovo edificio gli avrebbe potuto arrecare fastidio. “Tuttavia – aveva spiegato il pm – se la donna che lo ha denunciato lo avesse formalmente messo in mora si sarebbe avviato un procedimento per omissione di atti di ufficio. Allo stato attuale, anche se doveva certamente astenersi dal trattare la pratica, non ci sono gli elementi per ritenere che vi sia il dolo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contro Di Malta aveva deposto pure il sindaco Giusi Nicolini, “Quando ne venni a conoscenza – ha detto rispondendo all’avvocato Daniela Ciancimino che rappresentava il Comune in qualità di parte civile – lo invitai per iscritto ad astenersi”. La donna che lo ha denunciato si è costituita con l’assistenza dell’avvocato Francesco Scopelliti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Coronavirus: muore commerciante di Canicattì, seconda vittima dopo l'anziana di Sambuca

  • Coronavirus, è di nuovo raffica di positivi a Ravanusa, Palma, Canicattì, Licata, Sciacca, Cianciana e Porto Empedocle

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 5 alunni positivi a Porto Empedocle e 3 a Lampedusa: salgono a 15 i contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento