Cronaca

Appello del sindaco Nicolini: "Stato e Regione devono interrompere l'isolamento di Linosa"

Dopo la quinta gara deserta per l'appalto dei collegamenti veloci con le Pelagie e ben 7 mesi di sostanziale isolamento per Linosa, si è svolta oggi riunione tra i sindaci delle isole di Lampedusa, Pantelleria ed Ustica, l'assessore regionale ai trasporti Pizzo e i dirigenti regionali competenti

Dopo la quinta gara deserta per l'appalto dei collegamenti veloci con le Pelagie e ben 7 mesi di sostanziale isolamento per Linosa, si è svolta oggi una lunga e animata riunione tra i sindaci delle isole di Lampedusa, Pantelleria ed Ustica, l'assessore regionale ai trasporti Pizzo e i dirigenti regionali competenti al termine della quale non è stato comunque raggiunto un accordo condiviso tra le parti.

«La grave situazione determinatasi nelle isole Pelagie e soprattutto a Linosa, necessita di provvedimenti straordinari e urgenti - ha dichiarato il sindaco Nicolini - finalizzato ad interrompere un insopportabile isolamento reso ancora più inaccettabile dall'avaria della motonave Sansovino, sostituita in via provvisoria da un mezzo inadeguato alle esigenze socio-economiche delle mie comunità».

Sia il sindaco Nicolini che il dirigente generale Bellomo hanno rappresentato al prefetto di Agrigento la condizione di stallo dopo la quinta gara deserta e le insopprimibili ed urgenti necessità di Linosa di essere collegata sia con Lampedusa che con Porto Empedocle.

Sul punto fa ulteriore chiarezza il sindaco delle Pelagie: «Le isole non sono tutte uguali. E non sono state trattate con equità nel corso del tempo. Mentre oggi a Linosa sono privati di ogni speranza di vita normale, ci sono isole che hanno un aliscafo ogni quarto d'ora. Adesso basta. Stato e Regione devono garantirci i collegamenti marittimi, che per le isole più lontane d'Italia e specialmente per Linosa hanno un'importanza vitale».

«Sette mesi di isolamento non appaiono ammissibili - continua Nicolini - per questo ho chiesto inoltre alla Regione di intimare ad Ustica Lines il recupero delle corse pagate e non effettuate per avverse condizioni meteo. Soltanto con le corse non effettuate nel 2014 Linosa avrebbe l'ossigeno necessario per accogliere i turisti fino a luglio. Annunciamo per i prossimi giorni mobilitazioni popolari ed eclatanti proteste».

Il protrarsi del disservizio ha già causato un danno economico a Linosa, riferisce il sindaco, e rischia di determinare il possibile fallimento economico della minore delle Pelagie. Inoltre, i già trascorsi sette mesi di mancata continuità con la parte più estesa e servita del territorio comunale rappresentata da Lampedusa ha comportato un incremento di costi per gli abitanti di Linosa costretti quindi al pernottamento alberghiero anche solo per una visita medica specialistica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appello del sindaco Nicolini: "Stato e Regione devono interrompere l'isolamento di Linosa"

AgrigentoNotizie è in caricamento