Mercoledì, 12 Maggio 2021
Cronaca

Netturbini licenziati, i sindacati tornano a chiedere l'intervento del prefetto

Cgil, Cisl e Uil tornano a scrivere al prefetto Nicola Diomede per chiedere un incontro che abbia come oggetto la situazione vissuta dai 13 netturbini licenziati a seguito della nuova gara per l'affidamento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti

Cgil, Cisl e Uil tornano a scrivere al prefetto Nicola Diomede per chiedere un incontro che abbia come oggetto la situazione vissuta dai 13 netturbini licenziati a seguito della nuova gara per l'affidamento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

«Comprendiamo che le “emergenze” di questa nostra terra sono davvero tante - scrivono - ma, tra queste, vorremmo sottolineare l’urgenza di chiudere l’annosa vicenda che riguarda i lavoratori rimasti disoccupati.

Le abbiamo richiesto l’incontro perché riteniamo che davvero lei possa far trovare al Comune ed al Raggruppamento temporaneo delle imprese, quella convergenza che serva a riassorbire questi 13 operai.

La soluzione che era stata avvistata, ovvero quella di utilizzare le risorse del cosidetto "potenziamento estivo", ma poi l’accordo non si è riusciti a trovarlo. La preghiamo davvero di voler fissare tale incontro sul quale riponiamo ogni nostra residua speranza di trovare una soluzione alla vertenza», conclude la nota indirizzata dai sindacati al prefetto di Agrigento.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Netturbini licenziati, i sindacati tornano a chiedere l'intervento del prefetto

AgrigentoNotizie è in caricamento