Neonato morto dopo oltre un mese di ricovero all'Utin, eseguita l'autopsia

Il pubblico ministero Sara Varazi ha dato incarico a tre medici di accertare le possibili cause del decesso

L'ospedale San Giovanni di Dio

La gravidanza relativamente tranquilla fino alla corsa in ospedale per delle perdite ematiche e la decisione dei medici di accelerare il parto. Una nascita prematura che, per oltre un mese, sembrava potesse fare evolvere la situazione al meglio. Infine, purtroppo, il decesso.

A fare chiarezza sulla morte del neonato, figlio di una coppia di favaresi, sarà adesso l'autopsia. Il pubblico ministero Sara Varazi, raccolta la denuncia dei genitori del piccolo, che hanno nominato come difensore l'avvocato Calogero Vetro, ha dato incarico al ginecologo Francesco Cancellieri, al neonatologo Guglielmo Catalioto dell'ospedale Papardo di Messina e al medico legale Elvira Ventura Spagnolo del policlinico Giaccone di Palermo.

Il collegio di consulenti, ieri pomeriggio, nella camera mortuaria dell'ospedale San Giovanni di Dio, dopo il conferimento formale dell'incarico, avvenuto in mattinata, hanno iniziato le operazioni. La tragedia si è verificata il 27 giugno, dopo oltre un mese di ricovero del neonato all'Unità di terapia intensiva neonatale. Il pm, raccolta la denuncia, ha subito disposto il sequestro della salma. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento