menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nello Hamel a sostegno di Ignazio Cutrò

Hamel: "Ignazio Cutrò, una persona  di cui apprezzo il coraggio, la semplicità e la forte carica...

Lettera aperta del segretario agrigentino di Idv Nello Hamel, indirizzata al prefetto di Agrigento Francesca Ferrandino. Nella sua missiva, Hamel chiede al prefetto maggiore attenzione sul "caso" Cutrò, riportiamo integralmente il testo della lettera.

"Illustre Eccellenza, sono, ormai, diversi anni che seguo le vicissitudini e le battaglie di Ignazio Cutrò, una persona  di cui apprezzo il coraggio, la semplicità e la forte carica umana. In questi anni ho potuto comprendere le angosce e le paure di chi ha fatto la scelta del testimone di giustizia ed ancora la fragilità e la precarietà  di chi, come Cutrò, ha messo in discussione l’intera impostazione della propria vita, la possibilità di programmare ed organizzare il proprio lavoro e la stessa prospettiva di un futuro con il minimo di sussistenza per se ed i propri familiari. Cutrò non è un eroe, ma un uomo normale  sconvolto da una serie di eventi negativi a cui ha dato la risposta che tutti i siciliani dovrebbero dare allorquando  cadono della morsa del racket e della intimidazione mafiosa. Cutrò è un uomo che deve essere aiutato e tutelato non solo nella sua incolumità fisica, ma anche nella  sua attività imprenditoriale, perché la continuità della sua impresa  diventa un segnale importante di affermazione della legalità, perché è   irrinunciabile  che lo Stato possa dimostrare che il contrasto alla mafia non produce disgrazia e fallimento, ma affermazione totale del diritto delle imprese  di potere continuare ad operare senza pizzo ed estorsioni.

Ed è proprio per questo motivo che mi permetto, nella  qualità di segretario di una formazione politica  che sostiene ogni battaglia per la legalità, di chiederLe  a cuore aperto e con la forza dei valori che ispirano le nostre battaglie, di sostenere Ignazio Cutrò  disincagliandolo dai meandri della burocrazia  che, a causa di lentezze, di termini decorsi, di autorizzazioni, di interpretazioni normative, gli impediscono di poter cogliere quelle poche opportunità imprenditoriali  che egli stesso è riuscito a costruirsi. E’ infatti, incomprensibile che, in una situazione di eccezionalità, Cutrò non riesca  a reperire la documentazione previdenziale o di altro genere  indispensabile  per assumere un piccolo appalto ed una commessa fondamentale per la sua sopravvivenza. Eccellenza, conosco i principi e le regole dello stato di diritto e per nessuna ragione al mondo chiederei di violarle, ma se è possibile, nel rispetto delle leggi, accelerare le procedure, richiamare alla solerzia, definire le pratiche o interpretare le norme  in modo coerente con  l’emergenza  di cui si tratta, La prego di dispiegare la Sua autorevolezza e dare un’altra significativa  dimostrazione che il contrasto alla mafia  è un dovere di tutti  tutelato e sorretto dalle Istituzioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento