rotate-mobile
Tempo di bilanci / Naro

Quel work in progress di via Vanelle a Naro: è nato un museo di arte urbana

A dare valore aggiunto all’iniziativa, la presenza di giovani presi in carico dal progetto “Insieme per una comunità educante creativa” che, attraverso la valorizzazione delle loro competenze ed abilità, hanno collaborato alla realizzazione di alcune particolari opere su muro

Il museo di arte urbana, un autentico work in progress, raccoglie già 23 opere che hanno rigenerato via Vanelle. I risultati del progetto “Giovani artisti committenza pubblica” - realizzato grazie alla collaborazione tra il Comune di Naro e l’Accademia di Belle Arti di Firenze, il centro studi Chiaramontani e il programma Next generation Eu “Insieme per una comunità educante Creativa” - verranno presentati sabato 28, in via Vanelle, alle ore 11,30. La via Vanelle di Naro è infatti diventata l'emblema di come la rinascita, attraverso l'arte, sia possibile. 

Dalle macerie della frana ai colori della street art, il sindaco Brandara: "Via Vanelle sarà la Marzamemi della montagna”

Era il 4 febbraio del 2005 quando la frana devastava l’intero quartiere, infliggendo una profonda ferita alla città. Oggi, a distanza di 18 anni, sono gli artisti presenti nella città, provenienti tutti dall’Accademia di Belle arti di Firenze, a tentare di sanare quella ferita del tessuto urbano, facendo rivivere letteralmente le pareti di quelle che furono case, negozi, luoghi di vita quotidiana. Queste pareti sopravvissute al crollo finalmente accolgono opere d’arte. Il nascente museo all'aperto di Naro è dunque un esempio di come l'arte urbana può incidere su periferie trascurate, o come in questo caso devastate, trasformando la città in un ricco contenitore ideale di opere d'arte, fruibile liberamente, in alternativa allo spazio museale convenzionale. Al progetto stanno contribuendo anche la Paideia società cooperativa sociale, l’associazione Arecc, la cooperativa "La grande famiglia", l’associazione Sicilia Ride e l’Iiss Galileo Galilei. 

A concretizzare, in appena due anni, l'importante risultato è stato l'incontro il sindaco Maria Grazia Brandara e il professore Calogero Saverio Vinciguerra. A dare valore aggiunto all’iniziativa, la presenza di giovani presi in carico dal progetto “Insieme per una comunità educante creativa” che, attraverso la valorizzazione delle loro competenze ed abilità, hanno collaborato alla realizzazione di alcune particolari opere su muro.

Il progetto 

Il progetto “Giovani artisti committenza pubblica” si pone come obiettivo specifico quello di aumentare l’interesse per la città di Naro e di incrementare tutti gli aspetti culturali e turistici, attraverso la valorizzazione dei luoghi. Il progetto è anche un esempio di come, attraverso le installazioni artistiche, si possa elevare la qualità e riconoscibilità dei luoghi urbani e integrare il valore di quelli storici. Inoltre, in questo modo si supera il concetto convenzionale di mostra temporanea, relegata a spazi confinati: diventa la città stessa il contenitore ideale, alla vista di tutti, senza diaframmi e permanentemente fruibile. L’obiettivo è di generare lo stupore che si avverte quando si visita un centro storico ricco di novità artistiche e di giovani pittori emergenti. Visitare oggi via Vanelle è un’esperienza unica, in cui il raffinato lavoro degli autori ha permesso una coerente fusione tra l’opera e il contesto urbano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quel work in progress di via Vanelle a Naro: è nato un museo di arte urbana

AgrigentoNotizie è in caricamento