rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca Naro

Maxi coltivazione di marijuana, Cosa Nostra tollerava? Al via approfondimenti

Il comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Giovanni Pellegrino: "Questo è un punto interrogativo che un medio investigatore, a queste latitudini, si pone"

Ma Cosa Nostra ha acconsentito e tollerato la creazione e gestione di una maxi piantagione del genere? E’ questo l’interrogativo che si stanno ponendo, in queste ore, i carabinieri della stazione di Campobello di Licata che hanno fatto la scoperta e gli arresti, quelli della compagnia di Licata e quelli del comando provinciale.

Scovata "l'azienda agricola" della "maria", fra gli arrestati anche un impiegato comunale  

“Allo stato delle indagini, nulla emerge da questo punto di vista – ha spiegato il colonnello Giovanni Pellegrino, a capo del comando provinciale dei carabinieri di Agrigento - . Ma questo è un punto interrogativo che un medio investigatore, a queste latitudini, si pone. Sarà oggetto di approfondimenti successivi”.

La calibro 9 sequestrata - con 13 cartucce in canna e un’altra cinquantina come munizioni – verrà inviata al Ris di Messina per i necessari riscontri balistici. E' stata ritenuta un'arma illegale perché, anche se ha la matricola integra, non risulta essere stata censita nei registri italiani.  

IL VIDEO. Osservazioni, pedinamenti e anche un drone per scovare la maxi piantagione di "erba"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi coltivazione di marijuana, Cosa Nostra tollerava? Al via approfondimenti

AgrigentoNotizie è in caricamento