Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

"Dopo l'omicidio si rischiò il linciaggio in ospedale", carabinieri ricostruiscono agguato

Iniziato in Corte di assise il processo a carico di Timosoara Lupascu, accusata di avere ucciso Pinau Constantin insieme al marito e al figlio

Il luogo dell'omicidio

“Dopo l’omicidio sono andato in ospedale, insieme ai colleghi, e abbiamo interrogato la moglie della vittima che era gravemente ferita. In quei momenti è arrivata l’ambulanza con la donna che aveva partecipato all’aggressione mortale.

Parte processo per una donna

C’è stato un assalto dei parenti che hanno tentato di linciarla, il mezzo è stato scortato dall’ospedale di Canicattì a quello di Agrigento”. Il maresciallo Helmut Lerro, comandante della stazione dei carabinieri di Camastra, intervenuto la notte dell’8 luglio in soccorso dei colleghi di Naro, è il primo testimone della lista del pubblico ministero Antonella Pandolfi, ascoltato al processo nei confronti di Anisoara Lupascu, 39 anni, accusata insieme al marito Vasile Lupascu, 44 anni, e al loro figlio Vladut Vasile Lupascu, 19 anni, di avere ucciso l’agricoltore Pinau Constantin, 37 anni, massacrato a colpi di zappa e bastone e ferito la moglie.

La donna (difesa dall’avvocato Diego Giarratana) è l’unica che, dopo la decisione del gip di disporre il giudizio immediato, ha scelto la strada del dibattimento. Ieri, dopo una prima udienza di passaggio, sono stati ascoltati i primi testi davanti alla Corte di assise di Agrigento presieduta da Alfonso Malato con a latere Alessandro Quattrocchi. Padre e figlio hanno chiesto il giudizio abbreviato e il loro processo è in programma il 24 gennaio davanti al gup Francesco Provenzano. Il giallo, già dopo poche ore, sembrava già risolto con l’arresto dell’intera famiglia romena. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dopo l'omicidio si rischiò il linciaggio in ospedale", carabinieri ricostruiscono agguato

AgrigentoNotizie è in caricamento