rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
Corte di assise di appello / Naro

"Uccise bracciante a bastonate insieme al marito e al figlio per uno specchietto rotto": condannata a 22 anni

La donna era stata già riconosciuta colpevole di tentato omicidio ai danni della moglie di Costantin Pinau: l'agguato è scattato sotto casa della vittima dopo una lunga serie di litigi. Resta in piedi l'aggravante della premeditazione

Condannata a 22 anni per un omicidio a colpi di zappa, spranga di ferro e coltello. Si è concluso con questo verdetto il processo in Corte di assise di appello a carico di Anisoara Lupascu, 42 anni, ritenuta colpevole dell'omicidio del bracciante 37enne Constantin Pinau.

La donna, secondo la ricostruzione dell'episodio, insieme al marito e al figlio, andò a vendicare l'ultimo dei tanti affronti subiti: la rottura dello specchietto dell'auto da parte di Pinau con cui avevano avuto svariati contrasti.

Il delitto sarebbe stato commesso insieme al marito Vasile Lupascu, 48 anni, e al loro figlio Vasile Vladut Lupascu, 23 anni, condannati a 30 anni nel troncone abbreviato.  

La donna è stata ritenuta colpevole anche di lesioni ai danni della moglie di Costantin, picchiata anche lei con dei bastoni nell'agguato in cui restò ucciso il marito. Confermata l'aggravante della premeditazione per cui la Cassazione aveva disposto, fra le altre cose, un nuovo passaggio.

L'agguato, a colpi di zappa e spranga, consumato l'8 luglio del 2018, a Naro, sarebbe avvenuto mentre Costantin, insieme alla moglie, rimasta pure ferita nel tentativo di difendere il marito, e al figlio, stava rientrando a casa dopo un battesimo. L'omicidio, come accertato dai numerosi testimoni sentiti al processo, fu preceduto da continui litigi e aggressioni reciproche fino alla rottura di uno specchietto da parte di Pinau all'auto di Vasile Vladut Lupascu.

"La donna non ha partecipato all'agguato - aveva sostenuto il difensore, l'avvocato Diego Giarratana -, è arrivata dopo perchè le avevano detto che suo figlio era stato ucciso da Pinau". 

L'imputata dovrà pure risarcire la vedova e i figli di Constantin Pinau che si sono costituiti parte civile con l'assistenza degli avvocati Francesco Scopelliti, Giovanni Salvaggio, Vito Cangemi e Giuseppe Riso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Uccise bracciante a bastonate insieme al marito e al figlio per uno specchietto rotto": condannata a 22 anni

AgrigentoNotizie è in caricamento