menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Costantin Pinau

Costantin Pinau

Ucciso a colpi di zappa davanti alla moglie, periti al lavoro per il video del delitto

Una telecamera di sorveglianza avrebbe ripreso la scena, la Corte nomina due esperti

Due periti esamineranno il file estratto da una telecamera dell'impianto di videosorveglianza di un'abitazione privata, puntata sulla strada dove è avvenuto l'omicidio. Il dibattimento potrebbe concludersi con una prova decisiva. Il processo è quello per l'omicidio del bracciante agricolo trentasettenne Pinau Costantin, massacrato a colpi di zappa e bastone davanti alla sua abitazione di Naro l'8 luglio del 2018.

Ieri mattina la Corte presieduta da Alfonso Malato, con a latere Alessandro Quattrocchi, ha conferito l'incarico a Marco Zonaro e Giovanni Fontana che dovranno pure esaminare il traffico telefonico, attraverso i tabulati, fra un teste, che ha detto in aula di avere, sostanzialmente confezionato un falso alibi per l'imputata, e la figlia della donna.

L'udienza successiva, per riferire in aula gli esiti della perizia, è stata fissata per il 18 febbraio. In questo stralcio del processo l'unica imputata è Anisoara Lupascu, 39 anni, accusata dell'omicidio insieme al marito Vasile Lupascu, 45 anni, e al loro figlio Vladut Vasile Lupascu, 20 anni, condannati a 30 anni nel troncone abbreviato. L'agguato sarebbe avvenuto mentre Costantin, insieme alla moglie, rimasta pure ferita nel tentativo di difendere il marito, e al figlio, stava rientrando in casa dopo un battesimo. L'omicidio fu preceduto da continui litigi e aggressioni reciproche. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento