menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
FOTO ARCHIVIO

FOTO ARCHIVIO

Meno acqua in quattro Comuni rispetto agli accordi, la "bufera" sul Tre Sorgenti approda in Prefettura

Il sindaco di Naro: "A cosa serve il consorzio se non rispetta gli accordi? Ho scritto una lettera al premier"

"Dopo i continui guasti e rotture delle reti e impianti del consorzio acquedottistico Tre Sorgenti (l’ultima è avvenuta dal 7 all’11 agosto), c’è adesso un’altra grave criticità: ai Comuni consorziati di Castrofilippo (cui spetterebbero 10 litri al secondo di acqua), di Grotte (cui spetterebbero 24 litri al secondo), di Racalmuto (cui spetterebbero 24 litri al secondo) e al Comune di Naro (che non fa parte del Consorzio, ma dal quale deve ricevere 27 litri al secondo, per obbligo normativo) non viene fornito il quantitativo d’acqua spettante". L'ennesima denuncia è del sindaco di Naro, Maria Grazia Brandara.

Il primo cittadino aggiunge: "A questi Comuni vengono realmente consegnati minori quantitativi e, in particolare, 8 litri al secondo a Castrofilippo; 19 a Grotte e Racalmuto; 21 a Naro".

Brandara sottolinea che tutto ciò si verifica nonostante la gestione commissariale del Servizio idrico integrato "conferisca al consorzio Tre sorgenti lo stock previsto per i quattro Comuni, cioè 86 litri al secondo, mentre a questi ultimi ne arriva soltanto un quantitativo di 67. A che serve allora - si chiede - il Consorzio Tre Sorgenti?".

La questione è stata affrontata questa mattina in Prefettura.       

“Ho informato il prefetto - commenta Brandara - di aver scritto una lettera anche al presidente del consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, per chiedere interventi decisivi e risolutivi. Il problema fondamentale è, infatti, quello di costruire reti idriche moderne (e magari tecnologicamente testate) che possano portare l’acqua nelle abitazioni dei cittadini in maniera sufficiente e magari tutti i giorni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento