Naro, massima attenzione sulle residenze assistite per anziani

"Stiamo dedicando particolare impegno e attenzione alle case di riposo, alle comunità alloggio e alla Rsa - dice Mariagrazia Brandara -, perché abbiamo visto la fragilità di queste strutture in tutta Italia, con riferimento al contagio Covid-19"

Mariagrazia Brandara

Residenze sanitarie assistite, massima l'attenzione del Comune di Naro. Dopo l’invito a fornire l’elenco degli operatori che lavorano presso ciascuna struttura e la raccomandazione di attenersi scrupolosamente alle direttive dell’Assessorato regionale per le politiche sociali, al fine di scongiurare ogni pericolo di contagio covid-19, il sindaco ha formulato un’ulteriore lettera. Com’è noto, infatti, costituirebbe situazione di seria gravità il formarsi di focolai covid-19 all’interno di tali strutture, caratterizzate dalla fragilità degli utenti ospitati. Per cui, occorre la piena osservanza delle regole di contenimento e respingimento del contagio da virus. 

Peraltro, a Naro, c’è una delle residenze sanitarie assistite tra le più grandi e funzionali dell’isola, ove sono ospitati sia gli anziani bisognosi di riabilitazione sia quelli soggetti al morbo dell’Alzheimer. Qui, tutti gli operatori sanitari sono già stati sottoposti a tampone, per fortuna con esito negativo.  In tutte le strutture, inoltre, sono state inibite le visite ai parenti, in modo da assicurare il pieno rispetto delle misure anti-virus. Adesso il sindaco ha richiesto alle strutture del locale territorio di conoscere: se e quanti ospiti siano stati ricoverati in presidi ospedalieri; se e quanti nuovi ospiti siano stati accolti in struttura; se e quanti decessi ci siano stati in ciascuna struttura.  Il tutto per avere ogni elemento necessario ai fini di valutarlo in sinergia coi competenti organi di sorveglianza dell’Asp e in prospettiva di evitare ogni pericolo di eventuale contagio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella stessa lettera, Maria Grazia Brandara ha auspicato la maggiore vicinanza possibile tra gli operatori e le famiglie degli anziani ospiti nelle strutture, anche attraverso video-chiamate e ogni altro supporto allo scopo opportuno. “Stiamo dedicando particolare impegno e attenzione alle case di riposo, alle comunità alloggio e alla Rsa - dice il primo cittadino -, perché abbiamo visto la fragilità di queste strutture in tutta Italia, con riferimento al contagio covid-19. Vogliamo tenere la situazione costantemente sotto controllo, in sinergia con la Polizia Municipale e soprattutto con gli organi di sorveglianza sanitaria, in modo da assicurare alla nostra cittadina quel grado di serenità che merita, nonostante il corona-virus”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento