menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una veduta, lato piazza Pirandello, del museo civico

Una veduta, lato piazza Pirandello, del museo civico

Museo civico, è il momento della svolta: a marzo i lavori di completamento

Il complesso monumentale potrebbe essere aperto al pubblico nel 2018 prima della celebrazione dei 2600 anni della fondazione di Akragas

Il Museo civico di piazza Pirandello potrebbe, nel giro di un anno, tornare tra i beni fruibili dagli agrigentini svolgendo la funzione di pinacoteca per la collezione Sinatra. Il complesso monumentale, in parte oggetto di restauro, attende da anni di essere completato e finalmente potrebbe essere arrivata la svolta.

Con un progetto finanziato dalla Regione siciliana all’interno del piano di riqualificazione del centro storico di Agrigento, per un importo complessivo di un milione e 500 mila euro, di cui 688 mila per lavori, sarà sistemato il piano terra, e nello specifico saranno posti in essere interventi su controsoffittatura, pavimentazione interna, pavimentazioni esterne per il rifacimento dei marciapiede, infissi interni in legno, intonaci interni. Il bando di gara è già pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione Siciliana.

"È un traguardo che arricchirà l'offerta di siti culturali a Girgenti - ha detto il sindaco Lillo Firetto - . Il centro storico crea nuove attrattività. Già l'esposizione dei pupi siciliani come pure l'Accademia delle Belle arti e poi l'Università prossimamente a Palazzo Tomasi, sono tasselli di una visione unica".

La quinta Commissione consiliare "Pubblica Istruzione, cultura, sport, turismo e spettacolo”, presieduta da Pasquale Spataro e composta dal vice presidente Giovanni Civiltà e dai consiglieri Alessandro Sollano, Angela Galvano e Maria Grazia Fantauzzo, ha infatti reso noto che, sollecitata l'intensificazione dell’attività sull’affidamento dei lavori, intorno alla metà di marzo dovrebbe espletarsi la gara per l'affidamento dei lavori di completamento che dovranno essere ultimati entro 11 mesi dalla consegna dei lavori.

Il museo potrebbe così essere aperto al pubblico nel 2018 prima della celebrazione dei 2600 anni della fondazione di Akragas.

Per la redazione del progetto di recupero, oltre alla relazione tecnico scientifica redatta dalla soprintendente Gabriella Costantino, per l’allestimento museale, i tecnici comunali si sono avvalsi della collaborazione di Giuseppe Guerrera, professore ordinario di Composizione architettonica presso l’Università di Palermo. "Con il progetto di completamento - si legge in una nota - viene definito in ogni dettaglio il restauro della porzione dell'edificio oggetto dell’intervento, il recupero dei suoi valori storico-architettonici e l'adattamento alle più moderne esigenze di un museo".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento