Cinquantenne muore per "colpa" del sangue infetto, risarcimento milionario per gli eredi

Dopo una trasfusione alla donna venne riconosciuta un’epatite cronica HCV. Le sue condizioni di salute peggiorarono fino al decesso. La battaglia legale è stata portata avanti dai figli e dal marito

Maxi risarcimento per una famiglia agrigentina. Una donna, nel 2009, è morta per via del contagio da sangue infetto. La 50enne, ricoverata negli anni ’80 in un ospedale del Nord Italia, è stata sottoposta a terapia trasfusionale. Sangue ricevuto, che poi si rivelò infetto. Dopo la diagnosi, alla donna venne riconosciuta un’epatite cronica HCV. Le condizioni di salute della 50enne peggiorarono. La donna era affetta da cirrosi epatica ed epatocarcinoma. Dopo anni, nel 2009, l’agrigentina morì. 

Gli eredi della donna, i due figli maschi ed il marito,  hanno scelto di fare causa al Ministero della Salure, chiededone la condanna ma anche il risarcimento danno. L’accusa era quella di omicidio colposo e per non avere adeguatamente assolto il compito istituzionale di vigilare sulla raccolta e sulla distribuzione del sangue e degli emoderivati da destinare alle trasfusioni. A sostegno della famiglia gli avvocati Angelo Farruggia e Annalisa Russello del foto di Agrigento. Nel 2014 il tribunale di Palermo aveva riconosciuto

Con sentenza del giugno del 2014, il tribunale di Palermo, aveva riconosciuto al marito e ai figli, un risarcimento complessivo di circa 840 mila euro a titolo di danni non patrimoniali. Contro la sentenza, il Ministero della Salute, con l’avvocatura di Stato, aveva proposto appello, sostenendo che nessuna responsabilità poteva configurarsi in capo al Ministero della Salute e che nulla spettava agli eredi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 25 maggio, la Corte di Appello di Palermo, ha rigettato l'appello del ministero della Salute, ma ha anche accolto la tesi sostenuta dai legali della famiglia. Nel dettaglio, è stato anche aumentato il risarcimento a titolo anche di danni morali per la perdita del congiunto. La famiglia ha ha ricevuto più di un milione di euro (1.065.000,00).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento