rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Malasanità

"Gli perforano l'intestino durante un intervento e muore": Asp condannata risarcire familiari con quasi un milione di euro

Il paziente 75enne, nel 2018, era stato ricoverato nel reparto di urologia dell'ospedale San Giovanni di Dio

Asp di Agrigento condannata a risarcire con un milione di euro i familiari di un paziente morto in seguito a un intervento chirurgico nel quale, per errore, gli è stato perforato l'intestino. 

Si tratta di un paziente di 75 anni che, nel 2018, era stato ricoverato nel reparto di urologia dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento, per rimuovere una neoplasia vescicale. 

Nel corso dell’intervento chirurgico si verificò una perforazione del retto e dell’intestino di cui i sanitari, nonostante la complicanza rientrasse tra i rischi dell’intervento, si accorsero in ritardo provocandogli una peritonite.

In seguito al decesso, i familiari, che avevano seguito ogni fase del ricovero effettuato per un intervento che era stato descritto come routinàrio, non convinti della bontà dell’operato dei medici, con l’assistenza dell’avvocato Angelo Farruggia, hanno intrapreso una causa civile di risarcimento del danno nei confronti dell’Asp di Agrigento per ottenere il risarcimento dei danni morali.  

All’esito di un lungo iter processuale, in base ai contenuti della perizia medico-legale disposta in corso di causa, da cui è emersa anche "l’inadeguatezza della profilassi antitrombotica praticata al paziente", il tribunale di Agrigento, ha condannato l’Asp al risarcimento del danno non patrimoniale quantificato in 927.000 euro, oltre interessi legali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Gli perforano l'intestino durante un intervento e muore": Asp condannata risarcire familiari con quasi un milione di euro

AgrigentoNotizie è in caricamento