menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il "giallo" di Palma di Montechiaro, sentiti i conoscenti del 64enne

Verrà verosimilmente conferito nella giornata di oggi l’incarico – da parte della Procura, che sta coordinando l’inchiesta, - al medico legale che dovrà effettuare l’autopsia sul cadavere dell’uomo

Verrà, verosimilmente, conferito nella giornata di oggi l’incarico – da parte della Procura della Repubblica di Agrigento, che sta coordinando l’inchiesta, - al medico legale che dovrà effettuare l’autopsia sul cadavere dell’uomo ritrovato venerdì sera nello stabile abbandonato di via Alcantara. I carabinieri della stazione di Palma di Montechiaro, che assieme ai colleghi della compagnia di Licata si stanno occupando delle indagini sul campo, pare che abbiano – cercando di fare chiarezza – sentito diverse persone: conoscenti del sessantaquattrenne Calogero Allegro. Non ci sono certezze categoriche – i carabinieri attendono l’esame autoptico anche per avere la piena conferma dell’identità della salma – , ma con il passare delle ore si farebbe sempre più forte l’ipotesi che quel cadavere, ritrovato nell’immobile che avrebbe dovuto ospitare la Pretura di Palma di Montechiaro, appartenga proprio a Calogero Allegro di cui, da giorni ormai, non si hanno più notizie.

Il cadavere trovato nello stabile abbandonato, non è escluso l'omicidio 

Investigatori e inquirenti, a quanto pare, si trovano davanti ad un vero e proprio giallo. Il cadavere è stato trovato senza documenti di riconoscimento. La salma presenterebbe un trauma da schiacciamento alla testa e diverse ferite sulla cute. I militari dell’Arma, quelli della stazione di Palma di Montechiaro e quelli del reparto Operativo del comando provinciale di Agrigento, non è escluso – ma non ci sono conferme istituzionali – che anche oggi possano tornare nello stabile abbandonato di via Alcantara. Tutta l’area è stata già appositamente ispezionata e documentata, ma – in casi tanto delicati come questo – è possibile che venga effettuato un nuovo sopralluogo. Appare scontato, inoltre, che i carabinieri abbiano controllato tutta la zona circostante per accertare se vi siano o meno degli impianti di video sorveglianza pubblici o privati. Un “passaggio” investigativo quest’ultimo che è ormai diventato praticamente di routine. Nessuna indiscrezione, però, nemmeno su questo “fronte” trapela. I carabinieri del comando provinciale di Agrigento tengono, infatti, in attesa dell’autopsia, le bocche rigorosamente cucite.

Trovato il cadavere di un uomo, aperta un'inchiesta 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giornali on line più letti, la classifica della piattaforma Similarweb

Attualità

Solidarietà all'Arma dei carabinieri, bandiere a mezz'asta al Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento