rotate-mobile
Cronaca

La giornalista morta per malaria non diagnosticata, nuovi atti per decidere la posizione di 4 indagati

La Procura ha chiesto l'archiviazione, i familiari della cronista e insegnante si oppongono alla chiusura del caso. Altri due medici sono stati già rinviati a giudizio

Prima l'acquisizione di alcuni atti del diario clinico, adesso l'intera cartella in originale. Il giudice aveva deciso di fare chiarezza in merito ad alcune presunte differenze fra i documenti della cartella clinica di cui era estratta copia durante le indagini e l'originale attualmente custodita negli archivi dell'ospedale San Giovanni di Dio. Il materiale sarà, adesso, esaminato e se ne discuterà alla prossima udienza.

Il procedimento è quello che scaturisce dall'opposizione alla richiesta di archiviazione presentata dal difensore dei familiari di Loredana Guida, la giornalista e insegnante di 44 anni deceduta il 28 gennaio del 2020 per una malaria non diagnosticata.

L'avvocato Daniela Posante, che si è opposta alla richiesta di proscioglimento, formulata dal pm Elenia Manno, per due medici e due paramedici dell'ospedale San Giovanni di Dio, aveva chiesto al giudice di acquisire il diario clinico in originale. Questo perchè parrebbero esserci, secondo il legale, delle differenze fra i fogli originali che si trovano in archivio e quelli acquisiti durante le indagini.

Presunte anomalie, di cui adesso il giudice prova a fare chiarezza, che inciderebbero nella ricostruzione di un aspetto decisivo, ovvero la somministrazione del chinino alla donna. L'udienza, dopo il trasferimento del gip Luisa Turco, è ripresa davanti al giudice Giuseppe Miceli e proseguirà il 30 maggio. 

In questo procedimento sono indagati due paramedici che intervennero il giorno del suo ingresso al pronto soccorso del San Giovanni di Dio e due sanitari che operarono sulla paziente quando le sue condizioni erano ormai critiche. La difesa dei familiari della giornalista-insegnante si oppone alla chiusura del caso.

Prima di sentire in udienza pure le conclusioni delle altre parti (lo stesso pm e i difensori degli indagati, ovvero gli avvocati Silvio Miceli, Giovanni Crosta e Salvatore Maurizio Buggea), è stata disposta l'acquisizione della documentazione. Per altri due medici, al contrario, nelle scorse settimane è stato disposto il rinvio a giudizio. 

La posizione del medico curante della donna, infine, è stata stralciata per un vizio procedurale: la Procura non ha dato seguito alla richiesta della difesa di disporre l’interrogatorio dopo l’avviso di conclusione delle indagini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La giornalista morta per malaria non diagnosticata, nuovi atti per decidere la posizione di 4 indagati

AgrigentoNotizie è in caricamento