"Morta perché la sofferenza cardiaca fu scambiata per asma", parte processo a medico

I familiari di Maria Concetta Taglialavore, deceduta a 57 anni nel 2014, si sono costituiti parte civile

Dopo il marito e la figlia, anche i fratelli di Maria Concetta Taglialavore, la donna di 57 morta l’8 maggio del 2014, secondo l’accusa per una sofferenza cardiaca non diagnosticata, si costituiscono parte civile.

Il processo è iniziato oggi davanti al giudice monocratico Alfonso Pinto e i familiari, difesi dall’avvocato Giuseppe Scozzari, sono entrati nel processo e otterranno il risarcimento dei danni in caso di condanna dell’imputato. Si tratta del medico del pronto soccorso del San Giovanni di Dio, Paolo Gulotta, 42 anni, che – secondo quanto ipotizzato dalla Procura – avrebbe scambiato una sofferenza cardiaca per una semplice asma. La paziente, invece, morì per un infarto del miocardio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I familiari sostengono che la donna, nonostante fossero evidenti i sintomi di una sofferenza cardiaca, sarebbe stata curata per un disturbo asmatico con una terapia che avrebbe anche potuto aggravare i disturbi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento