"Morta dopo essere stata dimessa", Asp condannata a risarcire 150 mila euro

La donna era stata sottoposta ad un intervento all'ospedale "San Giovanni di Dio", ma i medici "dimenticarono" i fili di sutura all'interno dell'addome

L'ospedale "San Giovanni di Dio"

Morì dopo essere stata dimessa al termine di un intervento chirurgico, adesso l'Asp dovrà risarcire i figli. Lo ha deciso il tribuale di Agrigento, che - come si legge sul quotidiano La Sicilia - ha condannato l'azienda sanitaria a risarcire 150 mila euro ai figli di Assunta Pedacqua, morta l'8 agosto del 2010.

La donna, nel giugno dello stesso anno, era stata sottoposta ad un intervento all'ospedale "San Giovanni di Dio" per un problema addominale. L'intervento era andato bene, ma non appena arrivata a casa, la donna ha iniziato a stare male. Dopo alcuni accertamenti all'ospedale "Sant'Elia" di Caltanissetta, - si legge sul quotidiano - "la donna scoprì che al momento della chiusura dell'addome i medici agrigentini avrebbero 'dimenticato' all'interno dello stesso un groviglio di fili di sutura, causando quindi i malesseri nella donna che dopo due mesi è morta".

Adesso, a distanza di oltre sette anni, è arrivata la sentenza di condanna nei confronti dell'Asp.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

  • Non ha soldi nemmeno per i vestiti e la biancheria, reclusa chiede aiuto ai "Volontari di Strada"

  • Un empedoclino a "Uomini e Donne", Giovanni alla "corte" di Gemma

  • Pizzo sullo stipendio, dipendente in aula: "Restituivamo i soldi per non essere licenziate"

  • L'incidente mortale di Ravanusa, veglie di preghiera per Federica

  • L'assalto in banca con bottino record, il giudice boccia la versione degli indagati: due in cella e uno ai domiciliari

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento