Cronaca

Dipendenti della Calcestruzzi Belice licenziati, domani la fiaccolata

Il sindaco: "E' un dovere, per il Belice, stringersi attorno a questi padri di famiglia. Noi andiamo avanti e bisogna puntare alla riapertura dell’azienda"

Il sindaco di Montevago Margherita La Rocca Ruvolo

Una fiaccolata, per sostenere l'azione degli undici operai della Calcestruzzi Belice che sono stati licenziati, si terrà domani a Montevago. "E' un dovere, per il Belice, stringersi attorno a questi padri di famiglia – ha detto il sindaco di Montevago Margherita La Rocca Ruvolo – . Noi andiamo avanti e bisogna puntare alla riapertura dell’azienda”.

LEGGI ANCHE: Arrivate le lettere di licenziamento agli undici impiegati 

L'attesa è, naturalmente, tutta concentrata sulla data del due febbraio quando in Corte di Appello, a Palermo, si esaminerà il ricorso presentato dall’Agenzia nazionale per i beni sequestrati e confiscati e tutto potrebbe essere rimesso in discussione. L'azienda è stata, infatti, dichiarata fallita, dal tribunale di Sciacca, per un debito di 30 mila euro nei confronti dell'Eni.

LEGGI ANCHE: L'agenzia nazionale per i beni sequestrati e confiscati ha presentato ricorso 

Cgil nazionale e Fillea Cgil hanno inviato una lettera al presidente del Senato Pietro Grasso, al presidente della Camera Laura Boldrini e al presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi per metterli a conoscenza della vicenda riguardante il licenziamento dei lavoratori della Calcestruzzi Belice, confiscata e gestita dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione dei beni sequestrati alla criminalità organizzata. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dipendenti della Calcestruzzi Belice licenziati, domani la fiaccolata

AgrigentoNotizie è in caricamento