rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024

Minori stranieri non accompagnati, Save the Children: "Serve sistema di accoglienza strutturato"

Il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, stamani, aveva rilevato che sono tanti, anzi tantissimi, coloro che scompaiono

Negli ultimi 10 anni sono arrivati via mare, da soli, in Italia 103.842 minori stranieri non accompagnati, con una media di 15 mila all'anno. Nel rapporto dell’organizzazione “Nascosti in piena vista-Frontiera Sud” emerge - ha rilevato Save the Children - il nodo di un’accoglienza spesso non adeguata, in particolare nel primo livello, e la necessità di una distribuzione uniforme delle strutture sul territorio e della promozione dell’affido familiare. E' stata la drammatica situazione degli ultimi giorni a Lampedusa che ha riportato in primo piano la necessità di una rete di accoglienza strutturata, soprattutto per i più vulnerabili come i minori senza genitori. 

Migranti: Save the Children, minori stranieri non accompagnati arrivati a Lampedusa

Nonostante i minori non accompagnati siano una presenza regolare nel nostro Paese, non sono mai nati i centri go-vernativi di prima accoglienza previsti dalla legge e anche i centri di accoglienza straordinaria, che dovrebbero rappresentare la soluzione di ultima istanza, contavano al 31 dicembre 2021 soltanto 519 posti. Guardando al trend relativo ai posti finanziati nei CAS dal 2018 al 2021, appare evidente che l’intento di distribuire i minorenni sull’intero territorio nazionale al loro arrivo è stato via via disatteso, sino a concentrare in Sicilia e in Calabria la quasi totalità dei CAS minori attivi a fine 2021.

Secondo il rapporto Missing Migrants dell’organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), da inizio gennaio 2021 a fine ottobre 2022, 2.836 persone hanno perso la vita nel Mediterraneo Centrale, tra le coste africane e l’Italia, molti di loro bambini, anche piccolissimi, come le 4 vittime giunte a Lampedusa a fine ottobre, tutte sotto l’anno di età. Entrare nell’Unione europea continua a essere una macabra lotteria, resa ancora più preoccupante dai quasi 100mila rintracci e ritorni forzati di adulti e minori effettuati dalla cosiddetta Guardia costiera libica dal 2017 in poi per effetto del Memorandum Italia-Libia, rinnovato automaticamente il 2 novembre 2022. Per chi riesce ad arrivare in Italia, c’è la questione dell’accoglienza, un mondo variegato che non garantisce sempre risposte adeguate. Accanto a centri di prima accoglienza efficienti, a fruttuose collaborazioni tra istituzioni ed enti non profit che mettono i ragazzi e le ragazze in primo piano, si trovano anche situazioni di grave sovraffollamento, luoghi di primo sbarco dove si fatica persino a garantire pannolini, cibo adeguato e cure mediche ai bambini, in un continuo clima di tensione o ancora centri dove l’alto numero e turnover di adolescenti non consente di garanti-re alcuna progettualità di medio-lungo periodo.

Per cercare di fare chiarezza su questo sistema complesso, in continuo mutamento, il team di ricerca di Save the Children ha realizzato Il rapporto “Nascosti in piena vista - Fron-tiera Sud”, curato dal giornalista Daniele Biella, con il contributo del fotoreporter Alessio Romenzi. La ricerca è stata condotta nei mesi estivi del 2022 - periodo dell’anno con più arrivi via mare - nei luoghi di sbarco, lungo le strade delle città e nei centri di prima accoglienza dei punti nevralgici anche della Sicilia (capoluoghi e paesi di provincia da Messina a Catania, da Pozzallo ad Agrigento e Palermo) e dell’isola di Lampedusa. 

Il rapporto traccia diversi percorsi seguiti dai minori stranieri dopo lo sbarco, e in particolare esamina le condizioni della prima accoglienza, le criticità legate alla permanenza promiscua e prolungata dei più giovani negli hotspot, l’alienante attesa del trasferimento nei centri e, infine, la permanenza nelle comunità. Si presentano le storie di minori che si allontanano per raggiungere una destinazione finale in un altro Paese europeo, esponendosi a nuovi rischi, e di quelli che intraprendono percorsi di integra-zione, se accolti in contesti favorevoli all’inclusione sociale ed educativa.

Le difficoltà del sistema di accoglienza

Negli ultimi anni, il numero delle strutture dedicate alla prima accoglienza dei minori si è ridotto, con un conseguente prolungamento della permanenza presso gli hotspot o, addirittura, in strutture temporaneamente dedicate allo scopo presso le aree di sbarco.  Il Cara di Crotone, gli hotspot di Pozzallo e Lampedusa – pur nelle loro differenze – come dimostrano le cronache degli ultimi giorni, spesso a causa del sovraffollamento, della promiscuità, delle condizioni igienico-sanitarie precarie, risultano luoghi totalmente inadeguati e non sicuri, soprattutto per i più vulnerabili, come i minori soli e le giovani donne reduci da viaggi terribili. Con il paradosso che, a causa della mancanza di posti in accoglienza dedicati ai vulnerabili, per chi presenta maggiori fragilità l’attesa è ancora più lunga alla luce della delicata presa in carico necessaria.

La permanenza presso le strutture di primo livello si protrae in molti casi ben oltre i 30 giorni previsti per legge, prima di accedere alle comunità. Questa dilatazione dei tempi genera molte difficoltà per i minori costretti a vivere un periodo percepito come ‘perso’, come in un limbo, prima di poter andare a scuola o parlare con il loro tutore, tutte cose a cui avrebbero diritto. Per questo motivo, così come per i lunghi tempi dei ricongiungimenti familiari in altri Paesi europei, molti minori decidono di allontanarsi autonomamente dalle strutture di prima accoglienza per raggiungere altre città o altri Paesi, rimanendo “nascosti in piena vista”. Con tutti i rischi che queste fughe comportano.

Sono da considerare i rischi aggiuntivi ai quali sono esposte le ragazze. Il 31 dicembre 2022 erano 2.988 le ragazze minorenni arrivate da sole accolte nei centri di accoglienza. "Per loro in particolare c'è il rischio che gli allontanamenti siano "forzati" e legati al circuito dello sfruttamento sessuale e che quelli "spontanei" ricadano in tale circuito. Costa d’Avorio e Nigeria sono i Paesi africani maggiormente coinvolti in questo terribile fenomeno.

L’evoluzione dei flussi migratori e le forme di accoglienza dei minori stranieri non accompagnati

A partire dagli anni ‘90 il fenomeno della migrazione di minori non accompagnati in Italia ha assunto proporzioni più ampie e soprattutto ha visto cambiare le nazionalità prevalenti e le rotte migratorie, legate a fattori geopolitici. Dai Paesi dell’Est Europa, come Romania e Albania tra la fine degli anni ’90 e i primi del 2000, al grande esodo dei minori afgani, con l’inizio del conflitto nel 2001, riemerso con numeri rilevanti nel 2021. Le primavere arabe hanno portato sulle nostre coste e città moltissimi ragazzi egiziani e tunisini e la guerra in Siria ha fatto fuggire migliaia di persone, tra cui tante famiglie. Al 31 dicembre 2022, secondo i dati del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, erano 20.089 le presenze di minori non accompagnati nei centri di accoglienza. Tra le nazionalità più ricorrenti, quella egiziana (24,4%), anche con molti infra 14enni, quella tunisina e afghana.

Come intervenire per migliorare il sistema di accoglienza

Per proteggere i minori stranieri non accompagnati e garantire il rispetto dei loro diritti, a cinque anni dalla sua approvazione, è necessario dare piena attuazione alla legge 47 e intervenire per migliorare il sistema di protezione e accoglienza per non rischiare di rendere vani i principi enunciati nel testo normativo. E’ necessario partire dalla promozione di politiche di accesso regolare e sicuro al territorio e dal rafforzamento dei canali di ingresso esistenti, quali i ricongiungimenti familiari, gli ingressi per motivi di studio e lavoro, i corridoi umanitari così da ridurre il rischio di traffico di esseri umani e favorire una migrazione sicura e regolare.

“Dalle pagine di questo rapporto si rileva, ancora una volta, la necessità di dare vita ad un sistema di accoglienza per i minori soli che sia strutturato su tutto il territorio nazionale e che sia in grado di assicurare ai minorenni che arrivano senza genitori nel nostro Paese la possibilità di trovare in tempi rapidi tutela e protezione" – ha dichiarato Raffaela Milano, direttrice dei programmi Italia-Europa di Save the Children - . “Per raggiungere questo obiettivo è necessario, a nostro avviso, attivare almeno un centro per la prima accoglienza in ogni regione, una rete coordinata al livello nazionale con standard qualitativi e gestionali comuni ed una copertura di 2000 posti. Ciascun centro dovrebbe agire in coordinamento con i tribunali dei minori, le aziende sanitarie e le Questure per realizzare speditamente le procedure di identificazione, di accertamento della minore età e per avviare, se necessario, le procedure di ricongiungi-mento familiare. Entro i 30 giorni dall’arrivo, così come previsto dalla Legge 47, ogni minore dovrebbe essere collocato nella seconda accoglienza della rete SAI dove è necessario raddoppiare i posti, nella seconda accoglienza gestita dai Comuni o nel circuito di affido familiare. L’esperienza dimostra che una rete di accoglienza di qualità riesce ad accompagnare efficacemente i minori che arrivano da soli alla piena integrazione, con un grande beneficio per loro così come per tutta la comunità che li accoglie”. 

L’intervento di Save the Children in frontiera Sud

Save the Children è presente con i suoi operatori in frontiera sud (in Sicilia, Calabria e a Lampedusa) fin dal 2008 per garantire supporto, protezione e assistenza immediata a minori soli e famiglie in arri-vo. Dal dicembre 2020, Save the Children e UNICEF, il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia, hanno unito le proprie forze per dare una risposta immediata ai bisogni essenziali e primari di bambine, bambini e adolescenti, delle loro famiglie e delle donne sole in arrivo e in transito, e dal mese di agosto 2022, considerando l’evoluzione del fenomeno migratorio ai confini meridionali del nostro Paese, han-no deciso di espandere l’intervento congiunto anche in Calabria e di rafforzare la presenza sull’Isola di Lampedusa. Tra le attività poste in essere: accesso a informazioni tramite servizio di mediazione linguistico - culturale, primo soccorso psicologico, informazioni e orientamento sui diritti, sui servizi e sulle opportunità disponibili, una valutazione tempestiva delle potenziali vulnerabilità e specifici fattori di rischio, tra cui quelli connessi alla violenza di genere, supporto alle autorità, interventi di capa-city building, attività e percorsi partecipativi per minori al fine di tutelare i loro diritti e promuovere il loro diritto all’ascolto e alla partecipazione.

Video popolari

Minori stranieri non accompagnati, Save the Children: "Serve sistema di accoglienza strutturato"

AgrigentoNotizie è in caricamento