Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ministro Provenzano a Lampedusa, accolto da Martello e Bartolo: ecco le immagini

La visita istituzionale avviene poche ore dopo l'inferno di fuoco che ha devastato il cimitero dei barconi dell'isola

 

E’ atterrato questa mattina a Lampedusa, il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano. Ad accogliere il ministro, il sindaco dell’isola, Salvatore Martello. Non solo, oltre ad una delegazione di lampedusani, anche il medico ed europarlamenterare, Pietro Bartolo. Alla giornata presenti anche il prefetto di Agrigento Maria Rita Cocciufa e il questore Rosa Maria Iraci.

Rogo doloso a Lampedusa spento dopo 7 ore, Provenzano: "Non è questo il volto dell'isola"

Il ministro approda sull’isola, poche ore dopo, l’inferno di fuoco che ha svegliato i lampedusani. Soltanto ieri sera, ignoti, hanno appiccato il fuoco all’interno del “cimitero” dei barconi dei migranti.

Dopo una visita al personale della Guardia costiera, il ministro  visiterà la Porta d'Europa, il monumento di Mimmo Paladino, omaggio  allo spirito di accoglienza della più grande delle Pelagie, che nei  giorni scorsi ignoti hanno 'imballato' con nastro adesivo e sacchi per la spazzatura. Poi tappa al Comune per un incontro con la Giunta e il 
Consiglio comunale prima di un incontro, in programma nel pomeriggio,  con gli imprenditori locali.

Lamorgese: "Sforzo per affrontare la difficile situazione dell'isola"

"Ferma condanna degli atti incendiari della scorsa notte a Lampedusa che fanno seguito ad altri gravissimi episodi
dei giorni scorsi". Lo ha dichiarato il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese.

"Il Viminale sta profondendo ogni sforzo per affrontare la difficile  situazione dell'isola a seguito della pressione migratoria nel  Mediterraneo. Lo Stato c'è. Dobbiamo individuare i responsabili che  tentano di alimentare tensioni e offendono la solidarietà e la  generosità della comunità lampedusana", ha aggiunto la titolare del Viminale.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento