Lamorgese incontra Martello a Lampedusa, il ministro: "Cercheremo soluzioni"

Il palazzo di città, che viene monitorato da decine di poliziotti, carabinieri e finanzieri, è in corso un vertice con l'amministrazione comunale

La stretta di mano tra il ministro ed il sindaco di Lampedusa

Sono ore di grande concitazione a Lampedusa. Sull’isola più grande delle Pelagie è arrivata Luciana Lamorgese. Ad attenderla, ai piedi del Comune dell’isola, l’esponente della Lega, Angela Maraventano. La senatrice, “armata” di striscione ha dato vita ad una protesta non troppo silenziosa. “Scafisti”, si legge sullo striscione esposto. Non solo. Sono presenti davanti il palazzo comunale, diversi lampedusani pronti a protestare. 

Emergenza Covid e sbarchi: domani è attesa la visita del ministro Lamorgese a Lampedusa

“La ministra deve chiudere l’Hotspot ma anche i porti. Accoglieremo la ministra con queste parole. E’ un Governo di Scafisti, la ministra se non chiude i porti e complice - dice la Maraventano a granvoce. E’ una vergogna, ci sono stati tremila sbarchi in una settimana, La ministra viene accolta così. Merita questo". Il comitato spontaneo di Lampedusa, fa sapere tramite social, che verrà ricevuto dalla ministra, alle 12 di quest’oggi.

 

L'aggiornamento

Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, e il capo della polizia, prefetto Franco Gabrielli, sono atterrati a Lampedusa. Il corteo di macchine è atteso da un momento all'altro al Comune dinanzi al quale un gruppo di isolani stanno manifestando a gran voce. E' in corso è una vera e propria contestazione contro il ministro che è giunta a Lampedusa da dove la scorsa settimana, dopo un'ondata di approdi di barconi e micro "carrette", il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha chiesto lo stato d'emergenza. Lampedusa vive di turismo e il settore è fortemente pregiudicato dall'emergenza sanitaria determinata dal Coronavirus. Sull'isola non c'è un ospedale, ma un poliambulatorio. Gli isolani, da sempre popolo d'accoglienza, hanno paura che l'emergenza immigrazione si traduca, per Lampedusa, nel concreto rischio contagio da Covid-19.

L'incontro

Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, sta incontrando a Lampedusa il sindaco delle Pelagie Totò Martello. Prima si è fermata con i vertici delle forze dell'ordine per ringraziarli dell'impegno profuso. Adesso, al palazzo di città, che viene monitorato da decine di poliziotti, carabinieri e finanzieri, è in corso un vertice con l'amministrazione comunale. 

Il ministro: "Cercheremo soluzioni"

"Cercheremo delle soluzioni per non pesare su questa comunità". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, lasciando il Comune di Lampedusa  dove il capo del Viminale ha rassicurato il sindaco delle Pelagie, Totò Martello, ed ha manifestato tutta la sua vicinanza e solidarietà.  Verrà fatto un ulteriore incontro con tutte le parti coinvolte: Governo, Regione, ex Provincia regionale e Comune.  La delegazione che è stato in Municipio era composta dal ministro Lamorgese, dal capo di Gabinetto del Viminale,  dal capo del dipartimento per le Libertà civili e l'Immigrazione, il prefetto Michele Di Bari e dal capo della polizia Franco Gabrielli. 

Con la presenza del ministro degli Interni, Luciana Lamorgese, il governo ha fatto sentire una delle sue voci più autorevoli a Lampedusa. Con il capo del Viminale abbiamo discusso delle regole di accoglienza e di gestione dell'hotspot e dei trasferimenti, del trattamento delle
imbarcazioni che arrivano in porto e anche di quelle affondate nei nostri mari che intralciano e danneggiano l'attività delle marinerie". Lo ha spiegato il sindaco delle Pelagie, Totò Martello, dopo aver salutato la delegazione che ha visitato
Lampedusa.

Il sindaco Martello

"Il ministro si è impegnata ad attivare un tavolo di confronto con altri ministeri per portare avanti un'azione coordinata che possa affrontare altri aspetti: dalla dichiarazione dello stato di emergenza per l'isola agli interventi legati alla crisi Coronavirus, fino allo sconfinamento nelle nostre acque territoriali di pescherecci nordafricani - ha aggiunto Martello - . Abbiamo avviato un dialogo diretto ed importante a 360 gradi e ringrazio il ministro Lamorgese per il suo impegno e per quanto il governo potrà fare di concreto per la nostra Lampedusa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento