rotate-mobile
Sabato, 2 Marzo 2024
Criminalità / Canicattì

Minacciato con un coltellaccio è costretto a svuotare le tasche: 41enne resta ferito

Non è ben chiaro se la vittima abbia tentato di opporre resistenza o cosa sia effettivamente accaduto durante le fasi della rapina

E’ stato minacciato con un coltellaccio e, di fatto, costretto a consegnare quanto aveva in tasca. Terribile esperienza quella che s’è trovato a dover vivere un quarantunenne canicattinese che è, perfino, rimasto ferito. Delle indagini, per provare ad identificare il rapinatore solitario, si stanno già occupando i poliziotti del commissariato cittadino.

E’ nella notte fra domenica e lunedì, all’una circa, che il quarantunenne è stato avvicinato, mentre camminava lungo il viale Della Vittoria, nei pressi della villa comunale, da uno sconosciuto. Un malvivente che non ha fatto molti convenevoli e che gli ha subito puntato contro il coltello, intimandogli di consegnare quanto aveva con se. E nelle mani del rapinatore, il canicattinese ha fatto cadere il suo telefono cellulare.

Non è ben chiaro se il canicattinese abbia tentato di opporre resistenza o cosa sia effettivamente accaduto durante le fasi della rapina. E’ certo però che l’uomo è rimasto ferito: un taglio al pollice della mano sinistra. Scontato che la vittima  sia andata – anche se non filtrano indiscrezioni al riguardo – al pronto soccorso del vicino ospedale “Barone Lombardo”.

I poliziotti del commissariato hanno raccolto la denuncia, a carico d'ignoti, e subito avviato le indagini. I telefoni cellulari sono, e già da un po’ di tempo, facilmente rintracciabili per le forze dell’ordine. Quindi è assai probabile che anche questo verrà prossimamente rintracciato e chi ne verrà trovato in possesso finirà nei guai per ricettazione.

Appena sabato, sempre a Canicattì, si erano registrate una tentata rapina a un distributore di carburanti di via Giudice Saetta e una rapina nel quartiere Borgalino, anche in quel caso di un telefonino, al padre di un tabaccaio. Anche di queste indagini – per identificare, rispettivamente, un delinquente che ha agito con una pistola giocattolo e tre rapinatori che erano apparentemente non armati – si stanno sempre occupando gli agenti del commissariato di Canicattì. Difficile ipotizzare possibili collegamenti fra i tre diversi episodi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacciato con un coltellaccio è costretto a svuotare le tasche: 41enne resta ferito

AgrigentoNotizie è in caricamento