Polvere da sparo, un proiettile di fucile e un fallo da 150 cm per Patronaggio e il gip Vella: bloccate altre venti lettere minatorie

Tensione altissima attorno alle vicende dell'immigrazione, le ultime due missive erano firmate da una sigla di ultradestra nazionalista

Il procuratore Luigi Patronaggio e il gip Alessandra Vella

Due lettere di minacce sono state indirizzate al procuratore Luigi Patronaggio e al gip Alessandra Vella, magistrati che hanno trattato, con compiti differenti, il caso della "Sea Watch3" e dell'arresto del comandante Carola Rackete. Nella busta indirizzata al capo dei pm vi era della polvere da sparo, in quella destinata al giudice l'ogiva di un fucile. All'interno, con un messaggio di testo scritto a mano, rivendicazioni legate alle tematiche dell'immigrazione, firmato da una fantomatica sigla di "ultradestra sovranista".

Entrambe le buste sono state bloccate nel centro di smistamento postale di Favara e affidate ai carabinieri della scientifica. Nella stessa struttura, si apprende da fonti vicine alla Procura, sono state bloccate altre venti lettere minatorie, di natura e contenuto simili, indirizzate a Patronaggio, destinatario nell'ultimo anno di tantissimi messaggi minatori tanto da essere costretto ad andare in giro con due uomini di scorta.

Il presidente della commissione antimafia Fava: "Vicini al loro lavoro"

Nella maggior parte delle 20 lettere minatorie, indirizzate al procuratore capo Patronaggio, il riferimento al tema dell'immigrazione clandestina è chiaro, ma ci sono anche accuse e insulti pesantissimi. Alcuni dei biglietti risultano essere stati scritti a mano, altri al pc.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le 20 lettere sono state bloccate, tutte oggi, al centro di smistamento della Posta di Favara. E sono state fermate perché ritenute sospette. Sembra verosimile che le missive, non è chiaro da dove siano state inviate, siano state mandate durante il fine settimana. In una lettera, il procuratore viene accusato "di partecipazione alla loggia satanico massonica" e di "riti satanici e di stupro rituale di bambini procurate dagli zingari", in un'altra è stato inserito un fallo, realizzato con la carta, di 150 centimetri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Il crack del gruppo Pelonero, Patronaggio: "Così la famiglia ha fatto sparire milioni di euro da un’azienda all’altra"

  • Operazione "Malebranche", colpito il gruppo Pelonero: 13 misure cautelari

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • "Società aperte con capitale irrisorio, impennata con volume di affari milionario e tracollo pilotato": ecco il sistema "Pelonero"

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento