menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tribunale di Caltanissetta

Il tribunale di Caltanissetta

Minacce di morte a Patronaggio, la Procura Nissena: "E' un fatto che crea allarme"

Ad esprimere solidarietà al capo dei Pm di Agrigento il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, e quello della Giustizia Alfonso Bonafede: "Chiederei agli esponenti politici, almeno in questi casi, di evitare strumentalizzazioni"

Il procuratore di Caltanissetta, Amedeo Bertone, che nelle prossime ore riceverà dalla polizia giudiziaria di Agrigento, la relazione sulle minacce dei morte ricevute dal procuratore di Agrigento, si dice convinto – secondo quanto riporta l’Adnkronos - che il clima che si è creato "è conseguenza di un clima di particolare vivacità. Il Pm ha il dovere di indagare e non può essere colpevolizzato perché fa il proprio dovere. Insomma, è un fatto che crea certamente allarme. Si è creata una reazione a catena...". 

Inchiesta "Diciotti", minacce di morte e proiettile per il procuratore capo Patronaggio 

La Procura di Caltanissetta, competente per territorio, ha già aperto un fascicolo d'inchiesta. Delle indagini si stanno, adesso, occupando – nel più fitto e categorico riserbo - carabinieri e polizia. Il procuratore capo Luigi Patronaggio, anche ieri come ha sempre fatto, non ha commentato, né rilasciato dichiarazioni. Anche in passato ha ricevuto delle minacce. Mai però così pesanti e drastiche.

Il consigliere nazionale forense: "Inaccettabile gesto in uno Stato civile e democratico"

Ad esprimere massima solidarietà al procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, tutto il ministero della Giustizia. "Chiederei agli esponenti politici, almeno in questi casi, di evitare strumentalizzazioni" - ha scritto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. "Ho lavorato con lui, so che ciò non lo farà arretrare di un millimetro. Ti sono vicino. Un abbraccio, Piero'' - ha scritto, invece, su twitter il senatore di Leu, Pietro Grasso - . "Solidarietà al procuratore Patronaggio. In un Paese civile e democratico certe intimidazioni non possono essere né accettate, né sottovalutate" - ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini - . 

Sui social in molti lo hanno già chiamato "zecca rossa"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento