rotate-mobile
L'intervento / Licata

"Cerca di sfondare a colpi di martello il portone di casa della sorella perché vuole soldi": denunciato

La donna ha denunciato vessazioni, lesioni e atti persecutori che vanno avanti da circa sette mesi. I carabinieri hanno formalizzato le accuse, alla Procura della Repubblica, a carico del disoccupato trentaduenne

 Va a casa della sorella e tenta di entrare nell’abitazione, ma senza alcun esito, colpendo la porta di ingresso con un martello e minacciando, ripetutamente, la donna con lo scopo di ottenere denaro. Si allontana però a mani vuote, all’arrivo della pattuglia dei carabinieri. Un comportamento – improntato a vessazioni, minacce e lesioni - che, ai danni della sorella, sarebbe stato messo a segno da almeno sette mesi. Unico e solo l’obiettivo: ottenere soldi per acquistare sostanze stupefacenti. E’ per le ipotesi di reato di lesioni personali, atti persecutori, estorsione, nonché porto abusivo di oggetti atti ad offendere che i carabinieri della compagnia di Licata hanno denunciato, nei giorni scorsi, alla Procura della Repubblica di Agrigento, M. M., disoccupato licatese, di 32 anni.

I carabinieri della compagnia di Licata, nell’ultima circostanza, sono intervenuti, raccolto l’Sos, direttamente sul posto, ossia nell’abitazione della casalinga. Oltre a ricostruire quanto poco prima era accaduto, hanno raccolto la denuncia della donna che è stata, nel corso degli ultimi sette mesi, bersaglio di lesioni, vessazioni e minacce ai fini d’estorsione. A carico dunque del disoccupato licatese trentaduenne è stata formalizzata una denuncia, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento. Appare scontato che la donna continuerà ad essere tenuta d’occhio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cerca di sfondare a colpi di martello il portone di casa della sorella perché vuole soldi": denunciato

AgrigentoNotizie è in caricamento