menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Intimidazione a Brandara, la solidarietà della Cgil

Le parole del segretario Claudio Di Marco dopo la lettera di minacce con proiettili recapitata ieri al commissario dell'Irsap

“Le ex aree Asi, oggi Irsap, si confermano un terreno minato per chi vuole fare rispettare trasparenza e legalità. Al Commissario Brandara va la nostra solidarietà e quella dei lavoratori che rappresentiamo”. Lo dice Claudio Di Marco, segretario generale di Fp Cgil Sicilia, dopo la lettera di minacce con proiettili recapitata ieri al commissario dell’Irsap, Maria Grazia Brandara.

Secondo il sindacato, “nelle aree industriali si sono addensate nel tempo grandi zone d’ombra. Proprio per questo, però – aggiunge Di Marco – occorre chiudere definitivamente la pagina delle ex Asi e ripartire a pieno regime con l’Irsap ricostituendone la governance e la dotazione organica per ridare slancio alla mission istituzionale dell'ente di supporto allo sviluppo industriale dell'Isola con il sostegno del governo, degli industriali veri e dei lavoratori onesti”.

Solidarietà ha espresso anche il segretario generale della Cgil Agrigento, Massimo Raso. “Si tratta di un gesto che va condannato e sul quale ci auguriamo si faccia presto chiarezza - ha detto - . Ma, insieme alla solidarietà ed alla vicinanza, doverosi in casi come questi, vogliamo tornare ad esprimere la nostra forte preoccupazione per questa 'escalation' di minacce e intimidazioni a danno di  Persone impegnate nelle Istituzioni che, ovviamente, finiscono con rappresentare la 'prima linea'.

"Occorre rafforzare i presidi di legalità e sicurezza - ha aggiunto Raso - ed incrementare l’attività il “fronte sociale” di non accettazione di questo clima di intimidazione e paura: occorrerebbe anche una reazione anche visibile della Società Civile che, purtroppo, dalle nostre parti non c’è mai stata. Conoscendo la tenacia di Mariagrazia Brandara, siamo certi che azioni di questo tipo non possono che aumentarne la Sua determinazione, su questo non possiamo che essere a fianco a Lei e a tutti quelli che si battono affinché si affermino legalità e giustizia”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento