rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Il provvidenziale soccorso / Porto Empedocle

Ha cercato di gettarsi in mare aperto e poi si è tuffato lungo la statale 640: 20enne salvato dall'Esercito

I militari che sono a presidio dell'hotspot di contrada Caos sono intervenuti senza alcuna esitazione. Hanno dimostrato di garantire anche la sicurezza dei cittadini

La loro presenza è stata provvidenziale. Sono a presidio dell'hotspot di contrada Caos, a Porto Empedocle, ma di fatto - e lo hanno dimostrato oggi - garantiscono la sicurezza di ogni cittadino. Si tratta dei militari dell'Esercito che oggi sono riusciti, e non è stato per niente semplice, a salvare un ventenne di Castrofilippo. Un giovane che ha prima cercato di lanciarsi in mare aperto dagli scogli prospicienti l'hotspot e che poi, preda di un incontenibile stato d'ira, si è gettato - cercando di farsi investire dalle autovetture di passaggio - sulla strada statale 640.

Tenta suicidio a Porto Empedocle, salvato dall'Esercito

I militari dell'Esercito che sono, appunto, a presidio della struttura di primissima accoglienza e identificazione per migranti, sono intervenuti senza alcuna esitazione e hanno salvato la vita al giovane. E lo hanno fatto mettendo a repentaglio anche la loro stessa incolumità. È stata quindi chiamata la volante del commissariato "Frontiera" della polizia e l'ambulanza del 118 che ha soccorso il giovane, trasferendolo in ospedale per controlli di routine.

L'hotspot di Porto Empedocle è pronto, vi porto fra le casette che accoglieranno i migranti

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ha cercato di gettarsi in mare aperto e poi si è tuffato lungo la statale 640: 20enne salvato dall'Esercito

AgrigentoNotizie è in caricamento