Migranti torturati a morte in una prigione libica, chiesti due ergastoli e una condanna a 30 anni

I fermi erano scattati dopo i racconti dei superstiti, il pm della Dda: "Sevizie da orrore"

Torturati con bastonate in testa, corpi incendiati con la benzina e cadaveri gettati nell'immondizia: il racconto del pubblico ministero Renza Cescon, che per tutta la mattinata ha illustrato la sua requisitoria, è un film dell’orrore. Alcuni sopravvissuti al sequestro e alle sevizie hanno raccontato tutto alla polizia che, due anni e mezzo fa, ha fatto scattare gli arresti.

Per i tre imputati: Godwin Nnodum, 43 anni, Bright Oghiator, 30 anni e Goodness Uzor, 26 anni la richiesta di pena è altissima. Ergastolo per Nnodum e Uzor e 30 anni per Oghiator. L’indagine nasce da uno sbarco a Lampedusa, avvenuto nell'aprile del 2017. I superstiti decidono di raccontare tutto e indicare nomi, cognomi e volti dei loro aguzzini torturatori che erano sbarcati insieme a loro. 

“Il luogo delle torture - ha ricostruito il pm - è un’ex base militare, la chiamano tutti la «casa bianca» per il colore dei muri. Si trova a Sabratha, uno dei porti clandestini d’imbarco dalla Libia verso l’occidente, circa 70 chilometri a ovest di Tripoli e meno di 100 dal confine con la Tunisia. I migranti vengono rinchiusi in questo casermone, costretti a subire per mesi la crudeltà dei trafficanti di essere umani”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Migranti sequestrati, picchiati e torturati fino alla morte. I più fortunati riuscivano ad arrivare con gravi ferite o menomazioni. Una di loro, 25 anni e un volto pieno di sofferenze e tumefazioni, è stata ascoltata all'udienza precedente al dibattimento, in corso davanti alla Corte di assise presieduta da Wilma Angela Mazzara con a latere Giuseppe Miceli, e ha riconosciuto i tre imputati dentro la cella dell’aula 16 del tribunale. Il processo è arrivato agli sgoccioli. Dopo la requisitoria del pm, ci sono state le arringhe di parte civile degli avvocati Daniela Cipolla, Rossella Galluzzo, Michela Manente e Vanila Amoroso che difendono alcuni dei migranti oggetto di torture e l’associazione “On the road”. Il 15 novembre toccherà agli avvocati Diego Giarratana e Gloria Sedita illustrare le proprie arringhe difensive. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • "Feroce" rissa davanti ad un ufficio postale, la Mobile evita il peggio: tre denunciati

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Grigliata notturna fra amici e assembramenti: 10 sanzioni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento