Migranti lasciano "Villa Sikania", Lauricella: "Ho parlato con il prefetto, la gente è preoccupata"

Lo spostamento dei migranti è avvenuto nel pomeriggio dopo che la notte scorsa un ventina di persone, che erano in quarantena anti-Covid, sono riusciti a scappare

Un momento del sit-in di questa mattina

 Una cinquantina di immigrati sono stati trasferiti dal centro d'accoglienza Villa Sikania di Siculiana in altre strutture dell'isola. Lo spostamento dei migranti è avvenuto nel pomeriggio dopo che la notte scorsa un ventina di tunisini, che erano in quarantena anti-Covid, sono
riusciti a scappare. Si tratta della seconda fuga nel giro di pochissimo tempo. Sindaco, assessori e consiglieri sono tornati
dunque a protestare, con un sit-in, davanti a Villa Sikania.

Tunisini in fuga da Villa Sikania, il sindaco di Siculiana: "Entrano dalla porta ed escono dalla finestra"

"Ho incontrato il prefetto e il questore di Agrigento ai quali abbiamo ribadito che almeno il numero degli ospiti deve essere contenuto, anche perché c'è da rispettare le distanze di sicurezza - ha spiegato il sindaco di Siculiana, Leonardo Lauricella, - Al momento nella struttura, ci sono 70 immigrati. Ho rappresentato che i siculianesi sono molto preoccupati per la doppia emergenza: immigrazione e Covid".

Venti tunisini in fuga da Villa Sikania, scoppia di nuovo la protesta a Siculiana

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento