Migranti morti nel Mediterraneo, Rackete contro l'Ue: "Vergognoso bilancio"

Secondo la Dpa, il capitano della Sea Watch 3 ha accusato "diversi stati europei - tra cui Spagna, Malta, Italia, Paesi Bassi e Germania - che continuano a impedire e a sorvegliare le missioni marittime e aeree"

Carola Rackete

L'Unione europea presenta ancora un "vergognoso bilancio" dei migranti morti nel Mar Mediterraneo. Lo afferma all'agenzia Dpa Carola Rackete, il capitano della nave Sea-Watch 3, che era sbarcata senza autorizzazione a Lampedusa, con 40 migranti a bordo il 29 giugno del 2019, ignorando il divieto dell'allora ministro dell'Interno Matteo Salvini.

Ad un anno di distanza, a suo dire, "non è cambiato nulla all'interno della Ue e neanche alle frontiere esterne in materia di migrazione via mare". "Se c'è stato un cambiamento", ha aggiunto, "si tratta di un deterioramento della situazione durante l'anno". Secondo la Dpa Rackete ha accusato "diversi stati europei - tra cui Spagna, Malta, Italia, Paesi Bassi e Germania - che continuano a impedire e a sorvegliare le missioni marittime e aeree". Per la tedesca le persone continuano ad annegare nel Mar Mediterraneo "perché l'Ue vuole che affoghino per spaventare chi intende intraprendere gli attraversamenti".

(fonte: ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento