Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Traffico di migranti e contrabbando, chieste quattro condanne al processo "Barbanera"

Il pm propone pene fino a 15 anni di carcere per i presunti organizzatori dei viaggi di clandestini a pagamento

Un frame agli atti dell'inchiesta

Quattro condanne per 31 anni di carcere complessivi: sono le richieste del pm al processo, in corso davanti alla Corte di assise di Trapani, scaturito dall’operazione “Barbanera”, che ipotizza una tratta di clandestini dalla Tunisia e un giro di contrabbando. Gli imputati di questo stralcio sono quattro. Si tratta di Filippo Solina, di Lampedusa, 51 anni, Salvatore Spalma, di Agrigento, 30 anni, Fadhel Moncer, 38 anni, tunisino e Nabil Zouaoui, 56 anni, anch’egli tunisino.

Per Moncer, principale imputato, che ha ispirato il nome dell'inchiesta, sono stati chiesti 15 anni di reclusione; 9 anni per Zouaoui; 3 anni e 6 mesi per Solina e 4 anni per Spalma. I difensori (il collegio è composto, fra gli altri, dagli avvocati Salvatore Pennica, Giacomo La Russa e Cinzia Pecoraro) completeranno le loro arringhe il 27 luglio e due giorni più tardi la Corte presieduta da Enzo Agate, con a latere Giancarlo Caruso, si ritirerà in camera di consiglio ed emetterà la sentenza.  L’operazione è scattata nel gennaio dell’anno scorso. 

Secondo il pm, i quattro imputati hanno gestito un vasto traffico internazionale di migranti e un contrabbando di tabacchi. L’operazione, messa a segno dalla Guardia di Finanza, è stata chiamata “Barbanera”, come il famoso pirata. Il sodalizio criminale avrebbe trasportato, in giro per le coste siciliane, dai 10 ai 15 migranti irregolari, oltre ad una quantità variabile di tabacchi di contrabbando per svariati quintali.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di migranti e contrabbando, chieste quattro condanne al processo "Barbanera"

AgrigentoNotizie è in caricamento