menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Microcriminalità, trimestre concluso in positivo nell'Agrigentino

Il questore ha disposto un aumento del personale "in strada": "Ridurremo gli uffici al numero fisiologico e necessario di 'addetti'; così sempre più personale verrà impiegato a pattugliare e controllare il territorio"

 

Un impegno sempre più "presente" e costante, per dare una risposta concreta ai cittadini. Numeri alla mano, il questore Giuseppe Bisogno ha voluto illustrare stamani i risultati del primo trimestre del 2012. L'occasione, in realtà, era quella di un informale scambio di auguri con la stampa, ma il capo della polizia agrigentina ha letto i "numeri" dei primi tre mesi di questo anno.
 
Sul fronte dell'immigrazione, com'è noto, gli sbarchi sono notevolmente diminuiti: circa 700 gli extracomunitari arrivati a Lampedusa. "Nonostante il numero sicuramente inferiore rispetto a quello dello scorso anno nello stesso periodo, - ha detto il questore Bisogno - l'impegno per gli uomini della Questura di Agrigento non è stato indifferente. Ciò è dovuto anche dal fatto che Lampedusa, non essendo un porto sicuro, non era preparata come una volta a ricevere migranti. Quindi abbiamo dovuto fronteggiare l'emergenza senza avere a disposizione particolari mezzi. Il lavoro, insomma, non è mancato".
 
Il questore ha anche sottolineato i risultati dell'Ufficio prevenzione generale e sicurezza pubblica, dal quale dipende la sezione "Volanti". L'ufficio, in questi tre mesi, ha avuto un notevole incremento dell'attività: dieci arresti, mentre nello stesso periodo nel 2011 non ne era stato effettuato nemmeno uno. Unendo a questo dato anche gli arresti effettuati da tutti i reparti in tutto il territorio provinciale, invece, si arriva a 30 catture, contro le 15 dello scorso anno. 

Il questore durante la conferenza
Unica nota "stonata" i furti in abitazione e quelli cosiddetti "con strappo": 293 nel primo trimestre del 2012, contro i 253 dello stesso periodo nel 2011.
 
"La Questura - ha detto Giuseppe Bisogno - sta cercando di dare sempre più risposte. La crisi economica ci vede attenti, ma preoccupati; la crisi determina spesso situazioni nelle quali siamo chiamati ad intervenire".
 
E per questo, il questore, affiancato stamani dal suo vice Ferdinando Guarino e dal capo di gabinetto Luca Burriesci, ha disposto un aumento del personale "in strada": "Ridurremo gli uffici al numero fisiologico e necessario di 'addetti'; - ha spiegato - così sempre più personale verrà impiegato a pattugliare e controllare il territorio in divisa; aumenteremo le unità appiedate e automunite, integrando anche il numero di poliziotti di quartiere".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento