Mezzi di trasporto, la Sicilia torna all'era pre Covid: "Niente più distanza tra le persone"

Autobus, treni, tram, traghetti e taxi: ecco cosa cambia secondo quanto dispone l'ultima ordinanza del presidente della Regione, Nello Musumeci, che entrerà in vigore da domani e sarà però valida solo fino al 14 luglio

Stop al distanziamento tra i passeggeri su tutti i mezzi di trasporto pubblico e privato, ovvero autobus, treni, tram, traghetti e taxi. Lo dispone l'ultima ordinanza del presidente della Regione, Nello Musumeci, che entrerà in vigore da domani e sarà però valida solo fino al 14 luglio.

Niente più file d'attesa, dunque, e posti a sedere contati: in base al provvedimento, infatti, è previsto che si possano occupare tutti quelli disponibili, anche in piedi. Nello specifico, l'ordinanza recita: "Gli spostamenti infra e interregionali non sono soggetti ad alcuna limitazione, permanendo l'obbligo di osservanza delle misure di contenimento del contagio". E ancora: "Nel rispetto delle misure di carattere sanitario finalizzate alla prevenzione e al contenimento dell'infezione da Covid-19 di cui alle disposizioni nazionali vigenti in materia, è consentita l'occupazione del 100 per cento dei posti a sedere e in piedi per i quali il mezzo è omologato, in deroga all'obbligo di distanziamento interpersonale di almeno un metro e al coefficiente di riempimento dei mezzi, fissaro dal Dpcm dell'11 giugno 2020".

“Apprezzamento e soddisfazione per la nuova ordinanza di Musumeci" la esprime l’Asstra Sicilia. “Con questo importante provvedimento l’amministrazione regionale - si legge - dimostra capacità di ascolto e di intervento e pone le basi per una vera ripartenza della Sicilia in piena sicurezza visto che sono disposte un'altra serie di misure anti contagio”. La Sicilia è la quarta regione ad assumere questa scelta dopo Veneto, Liguria ed Emilia Romagna. Il provvedimento, che era stato preannunciato qualche giorno fa dall’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone, riguarda tutti i mezzi di trasporto. “Per il Trasporto Pubblico in generale si tratta di una notizia attesa e sperata - conclude Claudio Iozzi Presidente di Asstra Sicilia - e di questa attenzione al settore contemperando le esigenze di sicurezza a quelle di mobilità, ringrazio l'amministrazione siciliana tutta”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Agrigento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il crack del gruppo Pelonero, Patronaggio: "Così la famiglia ha fatto sparire milioni di euro da un’azienda all’altra"

  • Operazione "Malebranche", colpito il gruppo Pelonero: 13 misure cautelari

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • "Società aperte con capitale irrisorio, impennata con volume di affari milionario e tracollo pilotato": ecco il sistema "Pelonero"

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • Scontro fra due vetture alle porte di Canicattì, muore 64enne: automobilista arrestato per omicidio stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento