rotate-mobile
L'avvertimento

Testa mozzata di ovino, croce e tanica di diserbante per un 49enne: aperta inchiesta

Il messaggio intimidatorio è stato ritrovato, quando l'agricoltore si è recato nel suo appezzamento di terreno, attaccato ad una serra

Ha trovato, legati a una serra, nel suo appezzamento di terreno, una testa mozzata di ovino, una croce realizzata con tondini di ferro e una tanica di diserbante. Inequivocabile, e inquietante, messaggio intimidatorio quello che è stato recapitato a un agricoltore quarantanovenne. Un uomo che ha formalizzato denuncia, a carico d'ignoti, alla stazione dei carabinieri di Villaseta, ad Agrigento.

Il messaggio intimidatorio è stato ritrovato – secondo quanto riferito dalla stessa vittima – domenica mattina. Quando, di fatto, il quarantanovenne era andato nel suo appezzamento di terreno di contrada Bigini a Castrofilippo. La denuncia è stata presentata nella giornata di martedì ai militari dell’Arma appunto. Ma la notizia è trapelata dal stretto riserbo investigativo soltanto ieri.

I carabinieri hanno, naturalmente, subito avviato le indagini. Non è chiaro – o comunque non è trapelata questa indiscrezione – se la vittima dell’intimidazione abbia riferito di eventuali dissapori, problemi, alterchi con qualcuno. Certo è che chi ha agito ha legato, con cura, la testa mozzata di ovino, la croce realizzata con i tondini di ferro e la tanica di diserbante a una serra. Trattandosi d’aperta campagna appare assai improbabile che possano esservi, neanche in zona insomma, impianti di video sorveglianza da poter eventualmente controllare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Testa mozzata di ovino, croce e tanica di diserbante per un 49enne: aperta inchiesta

AgrigentoNotizie è in caricamento